A scuola di seduzione: oggi si può

Corsi di seduzione

Stanco di collezionare due di picche. Desideri avere una vita relazionale più gratificante? Iscriviti ad un corso di seduzione e apprendi tutti i segreti dell’arte della seduzione.
Sull’arte della seduzione si sono scritti fiumi di inchiostro, girati chilometri di pellicola cinematografica e pronunciate migliaia di parole nei talk-show. Evidentemente è un argomento sempre in voga perché sembra non se ne venga mai a capo. I tempi cambiano, i costumi si evolvono, il rapporto tra i sessi si modifica eppure appare sempre costantemente difficile avere un’interazione pacifica, spontanea e fluida tra i due sessi.

Al giorno d’oggi forse, paradossalmente, le cose sono diventate ancora più complicate: la tecnologia ci fornisce tantissimi strumenti ed espedienti per conoscere altre persone, ma, sostanzialmente, finisce per allontanarci anziché avvicinarci. La connessione che avviene tramite il web, con le chat dei siti di incontri, i social network e le dating app, è una connessione esclusivamente virtuale che dovrebbe, in teoria, essere il preludio di una connessione autentica e reale che si consumi dal vivo, ma questo, ormai avviene sempre più raramente.

La triste verità è che non riusciamo più a interagire, a rompere il ghiaccio, ad attaccare bottone se non dietro lo schermo del nostro pc o del nostro smartphone; se ci levate queste nostre “copertine di Linus” ci sentiamo nudi e vulnerabili e non sappiamo dove nasconderci e come sparire, qualora il gioco non ci piaccia più. È un approccio vigliacco quello che si consuma quotidianamente attraverso l’etere che ci ha tolto la possibilità di sviluppare quella dose di audacia e di incoscienza necessaria per sfidare il pudore e la vergogna e arrischiarci a provarci con il lui o la lei che in quel momento esercita una qualche forma di attrazione nei nostri confronti.

Abbiamo perso il gusto della sfida, ma soprattutto il senso del gioco. Abbiamo dimenticato infatti che quello della seduzione è un gioco a cui si può vincere o perdere, ma a cui vale sempre la pena partecipare perché è in ballo il proprio appagamento sessuale e, possibilmente anche sentimentale; è una danza di corteggiamento che si perpetua da millenni e che non potrà mai cessare, altrimenti rischieremmo seriamente di estinguerci. Abbiamo quindi perso il gusto di sedurre.

Basta origliare qualche discorso da gineceo per rendersi conto che le donne contemporanee di tutte le età, le estrazioni culturali e stili di vita, si lamentano dell’incapacità degli uomini anche solo di tentare un approccio dal vivo con loro; spesso sono loro che devono fare il primo passo invitandoli a uscire e sembra quasi che debbano fornirgli le istruzioni per imbroccare un primo appuntamento degno di questo nome.

Ci si ritrova quasi a rimpiangere i Don Giovanni e i Casanova e la fama del Latin Lover Italiano ormai sembra essersi completamente eclissata. Per ovviare a questi problemi, che magari non saranno importanti come la crisi atomica o i cambiamenti climatici, ma contribuiscono non poco a complicarci la vita, team di esperti nell’arte della seduzione hanno messo a disposizione le proprie competenze ed i propri servigi a chiunque voglia imparare ad avere successo con le donne.

Esistono infatti, in diverse città italiane, corsi di seduzione che insegnano, dal vivo o tramite remoto, via Sype, tutti i segreti del mestiere del seduttore; sostanzialmente si tratta di consigli mirati ad avere un atteggiamento più spontaneo e disinvolto con le donne, a sapere cosa dire e cosa fare in base alla tipologia di donna che si vuole concupire e in base al contesto. Sicuramente i maggiori risultati si possono conseguire facendo prima un lavoro di destrutturazione personale volto aa eliminare tutti quegli atteggiamenti artefatti e costruiti che fanno risultare spacconi o, al contrario, perdenti. E poi bisogna avere tanta voglia di mettersi in gioco in prima persona e, appunto, recuperare il gusto di giocare a sedurre.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Prev Coccole d’autunno: i profumi gourmand di Heart & Home
Next Defibrillatore: perché è così importante e quali caratteristiche deve avere

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!