Al cinema i corti vincitori della terza edizione di Talenti in corto

Capelli, calcio e “tecno-love” sono le passioni italiane in commedie da cinque minuti.


Il ritorno di Haircut di Nicolò Lombardi, Un vero portiere di Lisa Riccardi e Zinì e Amì di Pierluca Di Pasquale sono i tre cortometraggi vincitori della terza edizione di Talenti in Corto, il concorso di Gratta e Vinci e Premio Solinas che offre a giovani sceneggiatori e registi italiani l’opportunità di esordire e di dirigere un cast di grandi attori.
Tra gli interpreti che, dal 6 luglio, si potranno vedere nei tre corti al cinema e sul sito www.talentiincorto.it ci sono Ninni Bruschetta, Luca Di Giovanni, Ana Caterina Morariu, Silvio Orlando, Niccolò Senni, Alessandro Tiberi, Sacha Zacharias e Roberto Zibetti.

Sul sito del concorso si potrà votare fino al 3 settembre il Talento in corto più amato dal pubblico. Basta andare sul sito e partecipare al concorso Hai Occhio per il Talento 3. Partecipando si possono vincere buoni per il cinema o una reflex digitale.

Giancarlo Perrotta, direttore marketing di Gratta e Vinci, è entusiasta dei vincitori della nuova edizione: “Quest’anno il fil rouge delle tre storie è l’opportunità, la capacità di coglierla al volo, la tenacia nel perseguirla o di vedersela sfuggire per un soffio: un tema sentito da tutti nel contesto attuale. Ed è la stessa opportunità che Talenti in corto offre a sceneggiatori e registi emergenti, che devono dimostrare non solo di avere talento, ma anche la capacità e la voglia di mettersi in gioco. In questo modo il progetto diventa anche testimonianza di come sia possibile investire in creatività e promuovere il futuro dei giovani”.

Annamaria Granatello, direttore artistico di Premio Solinas, ha aggiunto: “Questa terza edizione è la conferma che Talenti in Corto può essere considerato una scommessa riuscita, un progetto unico nel panorama cinematografico italiano, pensato per aiutare concretamente i giovani talenti di oggi a emergere e a diventare così gli sceneggiatori e i registi affermati di domani”

Grazie ad ANEC e ANEM i corti vincitori vengono proiettati sul grande schermo, per una volta anche al di fuori dei festival di settore.

A questa terza edizione di Talenti in Corto hanno partecipato 228 progetti, giudicati da Anna Ammirati, Glen Blackhall, Alessandro Celli, Lorenzo D’Amico de Carvalho, Giacomo Durzi, Adriano Giannini, Annamaria Granatello, Giampiero Judica, Francesco Lagi, Davide Minnella, Susanna Nicchiarelli, Claudio Noce, Desideria Rayner, Daniele Riccioni, Emanuele Scaringi, Stefano Sardo.

Ecco una breve descrizione dei tre corti vincitori.

Il ritorno di Haircut di Nicolò Lombardi: è la storia della “lacerante” separazione tra Leo, interpretato da Niccolò Senni (visto in Tutta la vita davanti e Aspettando Godard) e una ciocca di capelli particolarmente ribelle (Haircut), che non si dà per vinta e intraprende una nuova vita…

Un vero portiere di Lisa Riccardi: una sedicenne caparbia, innamorata del calcio e del portiere colombiano Renè Higuita, è pronta a tutto pur di far ricredere il suo allenatore (interpretato da Ninni Bruschetta). Lisa Riccarsi è la prima autrice donna a vincere Talenti in Corto.

Zinì e Amì di Pierluca Di Pasquale: una love story tecnologica tra un ragazzo (Alessandro Tiberi) e una bellissima androide (Sacha Zacharias), programmata per essere la sua anima gemella. Ma quando il robot va in tilt, solo il giocattolaio (interpretato da Silvio Orland) sa consigliare a Zinì come riparare il guasto.

Prev Il segreto degli spinaci di Braccio di Ferro? Nitrato, vitamine e zinco
Next Prada e Vahram Muratyan: dopo Parallel Universes arrivano le t-shirt

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!