Al FAB Milano si parla di eco-social design con Luca Gnizio

L’ultima One Night di FAB – Architectural Bureau Milano.

ForOceanJeans - Sistema di sedute ideato per la campagna di smaltimento e riciclo dei jeans Levi’s

Giovedì 24 novembre 2016 alle ore 18:30 è fissato l’appuntamento con l’ultima serata del ciclo Le One Night di FAB – Architectural Bureau Milano in via Solferino 40. Sarà dedicata all’eco-social design e l’ospite principale è Luca Gnizio, che è promotore di un approccio innovativo al design di prodotto fondato su principi etici, sociali e di ecosostenibilità.

Gnizio interagirà con Antonio Mancinelli, caporedattore di Marie Claire, Paolo Schianchi, direttore editoriale del portale Floornature.com, e Thea Campioli, responsabile marketing Fiandre. Durante la serata, in anteprima in Italia, sarà presentato un materiale innovativo e rivoluzionario, ancora in fase di brevetto, ideato per la casa automobilistica BMW.

Gnizio spiegherà la sua filosofia progettuale che si basa sulla volontà di dare nuova vita ai residui della filiera produttiva dimostrando che il riciclo è strumento per la realizzazione di prodotti di valore. Infatti egli riesce a creare manufatti altamente innovativi utilizzando gli avanzi dei cicli produttivi e senza che alle aziende siano richieste ulteriori lavorazioni. Le sue creazioni sono una risposta alle esigenza di un design etico e consapevole.

In occasione di questo ultimo appuntamento con Le One Night, FAB Milano si vestirà di luci chiaroscurali e l’intero allestimento sarà finalizzato alla valorizzazione della selezione di oggetti disegnati da Luca Gnizio, che saranno esposti su piedistalli realizzati con lastre ceramiche di GranitiFiandre. In mostra ci saranno i tessuti i fibra di carbonio usati per la costruzione della poltrona Escape e la poltrona Fordesert.

La poltrona Escape è nata dalla collaborazione di Gnizio con BMW ed è una seduta che si pone a metà tra l’arte e il design e che vede l’uso di scarti di fibra di carbonio. La partnership tra il designer e la casa automobilistica continua con il progetto delle auto elettriche i3 – i8.

Prev Spalle Nude? Anche d'inverno! Ecco come…
Next Sharing economy: da una grande crisi una grande opportunità

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!