Atomica Bionda: Charlize Theron spacca tutto a Berlino nel 1989

La recensione del film diretto da David Leitch.

Atomica Bionda con Charlize Theron

Charlize Theron è la protagonista di Atomica Bionda, o meglio, è l’Atomica Bionda del film diretto da David Leitch, regista che si è fatto conoscere per titoli ad alto tasso di adrenalina come John Wick e il supereroe sboccato Deadpool.

La protagonista di questo film, ispirato al graphic novel The Coldest City, è l’agente del MI6, il servizio segreto britannico, Lorraine Broughton. Lorraine viene inviata in missione a Berlino nel 1989, esattamente una settimana dalla caduta del Muro che divise la città tedesca dal 1961. Qui incontra l’agente di sua Maestà, David Percival (un James McAvoy in versione tamarra) e deve vedersela quotidianamente con una serie di agenti sovietici a colpi di tacchi a spillo, di pugni, calci e ogni genere di mappa.

A far da colonna sonora alle scene di battaglia il meglio della musica degli anni ’80 con titoli dei Queen (Killer Queen, Under Pressure), David Bowie (Cat People), Blue Monday dei New Order, i Duran Duran, i Cure e anche classici pop in lingua tedesca come 99 Luftballoons di Nena, Major Tom di Peter Schilling e Der Kommissar di Falco.

A Berlino, Lorraine incontra anche la spia francese Delphine Lassalle (la interpreta la francese Sofia Boutella) con lei stringe una relazione torbida e morbosa, ma di chi si può fidare? Lorraine forse farà meglio a fidarsi solo di se stessa e delle sue armi: fascino incluso.

Atomica Bionda, dopo una prima metà un po’ lenta, diventa un thriller molto godibile con protagonista una sempre eccellente Charlize Theron, perfetta nei costumi di questa cazzutissima eroina ideati da Cindy Evans. A completare il cast: John Goodman, Toby Jones e il giovane Bill Skarsgård, figlio del più famoso Stellan.

Atomica Bionda è stato presentato qualche giorno fa a Berlino, dove il film è ambientato anche se è stato girato fra Budapest e la Germania.

Atomica Bionda vi aspetta al cinema dal 17 agosto, distribuito da Universal Pictures.

Prev Planetaria: perché è bene averla in cucina e come pulirla
Next Borse autunno-inverno 2017-2018: Monya Grana presenta la collezione Il Gattopardo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!