Autoabbronzanti: pro e contro delle creme self tan

Non hanno effetti collaterali e sono più sicure rispetto al passato.


Diidrossiacetone è il nome del principio attivo su cui si basano gli autoabbronzanti. Si tratta di uno zucchero naturale che ha come effetto l’ossidazione delle cheratine, le proteine della pelle. Mentre in passato usando le creme self tan si rischiava di diventare gialli o arancioni, oggi sono migliorate e di parecchio, pur essendo costituite sempre dallo stesso principio attivo che però è meglio modulato.

Non si rischia più di diventare di strani colori, ma si ottiene una tintarella uguale a quella che si avrebbe stando al sole.
Gli autoabbronzanti non hanno effetti collaterali perché agiscono sulle cellule morte e possono essere utilizzati anche ogni giorno, ma in realtà sono sufficienti poche applicazioni per avere un colorito più sano e allegro per qualche giorno. Quando ci si vede di nuovo palliducci si può procedere a una nuova applicazione.

È importante non confondere gli autoabbronzanti con le creme solari: a meno che non sia esplicitamente indicato sulla confezione, le creme self tan non proteggono dai raggi Uv emanati dal sole o dalle lampade abbronzanti. Ci sono però oggi gli autoabbronzanti high-tech che contengono Spf, antietà e soprattutto principi attivi idratanti. Preferite sempre i prodotti di questo tipo perché l’autoabbronzante va usato sulla pelle pulita e non si possono mettere anche altre creme prima o dopo averlo applicato, dunque se non è un prodotto completo si rischia la disidratazione e non si è protetti dai radicali liberi.

Il modo migliore di usare l’autoabbronzante è quello di versarlo sulle mani, stenderlo con sfioramenti leggeri e tenere sotto controllo l’effetto che sta facendo. Nel caso in cui, dopo un’oretta, si cominciasse a notare un alone scuro o giallognolo, si può intervenire tempestivamente sfregando la pelle con mezzo limone ed eliminando completamente l’alone.

Anche Kate Moss, solitamente affezionata al suo colorito chiaro, ha ammesso di aver iniziato a usare gli autoabbronzanti il giorno del suo matrimonio e di non aver più smesso.

Prev Sephora e Samsung lanciano l'app per provare i trucchi virtualmente
Next Venduta per 5.97 milioni di dollari la casa di Colazione da Tiffany

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment