Casa: la sicurezza prima di tutto!

Sicurezza casa - Impianti a norma

Quello della sicurezza dell’impianto elettrico negli ambienti domestici e non è un problema molto serio, una questione di cui si parla quasi esclusivamente quando si verificano eventi spiacevoli. Oggi, nonostante l’entrata in vigore della normativa a riguardo, non tutti gli impianti sono a norma. L’utilizzo della corrente elettrica è fondamentale per il comfort di un’abitazione. Quasi tutto in casa è azionato da dispositivi elettrici che, per poter essere utilizzati al meglio necessitano di un impianto affidabile, performante e capace di adeguarsi al fabbisogno elettrico delle famiglie.

Una cosa spesso trascurata è la sua manutenzione, la sola ed unica operazione in grado di garantire sicurezza e scongiurare l’insorgere di incidenti. Vista la quantità di elementi potenzialmente pericolosi è bene attenersi alle rigide norme che ne disciplinano l’installazione o la verifica. Fare della propria casa un ambiente confortevole è fondamentale. Con la Legge 46/1990 è stato introdotto un sistema in grado di garantire un utilizzo efficiente dell’energia elettrica. La normativa stabilisce l’obbligo ad operare sugli impianti, l’obbligo da parte dell’impresa installatrice di rilasciare una dichiarazione di conformità al termine dei lavori e l’obbligo di adeguare gli impianti già esistenti affinché siano presenti le dotazioni minime di sicurezza.

Le norme in vigore contemplano una nuova concezione di impianto che consente alle abitazioni di adeguarsi all’evoluzione dovute all’ingresso di tecnologie nuove che spesso sono fruite in luoghi costruiti secondo i canoni costruttivi più recenti. In particolare, la norma CEI 64-8 prevede obblighi che riguardano tra i tanti: il dimensionamento, l’interruttore generale, il collegamento degli scaricatori, lo spazio disponibile nel quadro elettrico domestico, la segnalazione dello stato delle luci esterne, il posizionamento di prese e comandi e ancora le prese dat, telefono e TV.

Tra gli elementi indispensabili in termini di sicurezza vi è la cosiddetta messa a terra. Si tratta del meccanismo che serve a disperdere nel terreno il potenziale elettrico proteggendo gli utilizzatori dell’impianto nel caso di malfunzionamenti o scariche pericolose. L’installazione e la verifica impianto messa a terra va affidata perciò soltanto a tecnici professionisti, i soli capaci di certificare la totale messa in sicurezza degli ambienti. Il cavo di messa a terra funziona grazie a un dispositivo chiamato salvavita.

Esso interviene quando, per esempio, gli elettrodomestici collegati a terra vengono percorsi da una quantità di energia elettrica maggiore del solito. Per queste ragioni è necessario che tutti gli elettrodomestici siano fisicamente collegati al conduttore di terra. La messa a terra di un impianto elettrico si presenta come il principale sistema di protezione contro situazioni pericolose di contatti e corto circuiti. La sua presenza in casa come nei luoghi di lavoro perciò non è solo obbligatoria ma indispensabile!

Prev Zuiki apre a Napoli e Pontecagnano: ora sono 22 gli store in Campania
Next Natale 2017: regali originali a meno di 100 euro

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!