ColorTaste: la cucina si fa arte con le fotografie di Alfonso Catalano

A Palazzo Isimbardi, Milano, dall’11 al 18 marzo. Inaugurazione con Benedetta Parodi.

Il fotografo Alfonso Catalano ha ritratto i piatti realizzati da 14 grandi chef, tutti premiati almeno con almeno una stella Michelin.

I cuochi si sono ispirati all’arte pittorica per comporre i loro piatti e ora le foto scattate da Catalano saranno esposte a Milano nel cortile d’onore di Palazzo Isimbardi.
La mostra ColorTaste è stata organizzata con il patrocinio della Provincia di Milano e di Expo 2015, il sostegno di Gabriella Magnoni Dompé e di Stefano Guidani, la collaborazione di Honegger Group per gli allestimenti e dell’agenzia Omnia Relations per la comunicazione.

Lo scopo della mostra è quello di raccogliere fondi per la onlus milanese Pane Quotidiano, che è al suo 115° anno dalla fondazione e che aiuta i meno abbienti distribuendo cibo. Le opere di Catalano saranno vendute ai collezionisti e il ricavato sarà devoluto interamente a Pane Quotidiano.

ColorTaste è curata da Paola Riccardi con il coordinamento di Marco Ferri e Francesca Sironi e verrà inaugurata lunedì 11 marzo alle 18.30 con la partecipazione di Benedetta Parodi, il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà e l’assessore Moda, Eventi, Expo Silvia Garnero.
Palazzo Isimbardi si trova in Corso Monforte 35. L’esposizione resterà aperta fino al 18 marzo dalle 9 alle 18 con orario continuato.

Il percorso espositivo si articola in una serie di immagini di grande formato dedicate ai lavori “pittorici” realizzati da 14 chef stellati Michelin e si completa con scatti di backstage che raccontano il making of del lavoro e alcuni ritratti dei celebri cuochi. Lontano dagli schemi consueti della guida gastronomica, la scelta degli chef è stata effettuata sulla base del passaparola degli stessi, a ogni cuoco è stato chiesto di segnalare un collega, il fotografo ha potuto così tracciare la sua mappa.
Alfonso Catalano ha compiuto un lungo viaggio fotografico da Roma alla Costiera Amalfitana, da Pistoia a Bolzano, da Senigallia a Milano, passando dalle cucine di oltre una dozzina di chef tra i più noti a livello internazionale.

I 14 chef che hanno partecipato al progetto con i loro piatti sono:

Stefano Baiocco – Ristorante Grand Hotel Villa Feltrinelli, Gargnano (BS) – 1 stella Michelin
Moreno Cedroni – Ristorante Madonnina del Pescatore, Marzocca di Senigallia (AN) – 2 stelle Michelin
Enrico Cerea – Ristorante Da Vittorio, Brusaporto (BG) – 3 Stelle Michelin
Igles Corelli – Ristorante Atman, Pescia (PT) – 2 stelle Michelin
Anthony Genovese – Ristorante Il Pagliaccio, Roma – 2 stelle Michelin
Antonio Guida – Ristorante Il Pellicano, Porto Ercole (GR) – 2 stelle Michelin
Alfonso Iaccarino ed Ernesto Iaccarino – Ristorante Don Alfonso 1890, Sant’Agata sui due Golfi (NA) – 2 stelle Michelin
Valentino Marcattilii – Ristorante San Domenico, Imola (BO) – 2 stelle Michelin
Aurora Mazzucchelli – Ristorante Marconi, Sasso Marconi (BO) – 1 stella Michelin
Norbert Niederkofler – Ristorante St. Hubertus Hotel Rosa Alpina, San Cassiano in Badia (BZ) – 2 stelle Michelin
Giancarlo Perbellini – Ristorante Perbellini, Isola Rizza (VR) – 2 stelle Michelin
Valeria Piccini – Ristorante Da Caino, Montemerano (GR) – 2 stelle Michelin
Claudio Sadler – Ristorante Sadler, Milano – 2 stelle Michelin
Luisa Valazza – Ristorante Al Sorriso, Soriso (NO) – 2 stelle Michelin

Prev Il pettine Tek a dente largo in legno antistatico districa tutti i nodi
Next Trendee Me, l'applicazione gratuita che aiuta a creare l'outfit perfetto

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!