Come arredare la casa con i lampadari moderni

Arredare casa con lampadari moderni

La scelta di uno o più lampadari moderni consente di aggiornare e rendere contemporaneo lo stile dell’appartamento in cui si vive. Tali elementi di arredo nella maggior parte dei casi sono destinati a essere collocati al centro degli ambienti in cui vengono inseriti, e di conseguenza finiscono per attirare l’attenzione: insomma, vale la pena di selezionarli con cura, non solo sul piano estetico. Dal punto di vista pratico, è facile notare come i modelli moderni si rivelino molto più versatili di quelli classici, anche perché meno rigidi e più eclettici. 

Le dimensioni

Uno dei primi aspetti dei lampadari moderni che devono essere presi in considerazione in vista di un acquisto è quello relativo alle loro dimensioni. Un ambiente grande come un soggiorno potrebbe avere la necessità di due o tre punti luce: una soluzione intelligente potrebbe essere quella di puntare su un lampadario che offra in più direzioni una luce artificiale efficace. Un compromesso ideale è anche quello che prevede l’impiego di faretti, meglio ancora se con specifiche strutture di design, ma un’altra combinazione da non sottovalutare è quella che impone il ricorso a lampade da tavolo dal formato ridotto. Ovviamente l’ampiezza del lampadario per cui si decide di optare deve essere in linea con le caratteristiche del contesto.

Come scegliere il lampadario giusto

Prima di comprare un lampadario, è utile provare a immaginarlo nel posto in cui si desidera collocarlo e ipotizzare quale potrebbe essere l’effetto estetico ottenuto: ciò permette di evitare di acquistare un modello che stona con l’arredamento circostante, ma soprattutto consente di individuare il pezzo più adatto a valorizzare il resto dell’ambiente. Non tutte le tipologie di luce, inoltre, sono uguali tra loro: quelle più calde sono adatte alla camera da letto o al salotto, mentre quelle più fredde sono consigliabili per la cucina o per il bagno. L’assemblaggio di vetri colorati, invece, può essere perfetto per chi ha intenzione di ravvivare la propria abitazione o per chi comunque ha a che fare con stanze un po’ troppo anonime e monotone.

I lampadari green

L’arredamento green è una tendenza che si è dimostrata in costante crescita nel corso degli ultimi anni, e che coinvolge anche i lampadari: perché, allora, non puntare su un modello che sia ecologico e amico della natura? Le soluzioni più efficaci da questo punto di vista sono quelle realizzate con materiali riciclabili: ed è proprio la scelta dei materiali una variabile decisiva. Le lampade a led sono convenienti non solo in una prospettiva ecologica ma anche a livello economico, dal momento che sono concepite e realizzate per garantire un risparmio energetico più che consistente. I modelli più artefatti rischiano di appesantire gli ambienti, mentre più versatili sono i punti luce che si caratterizzano per linee semplici e tonalità cromatiche neutre. Nulla vieta di puntare su un oggetto diverso dal solito, ovviamente, ma il suggerimento è quello di limitarsi a un unico dettaglio di design.

I materiali e i prezzi

Si diceva dei materiali, dunque: ma quali sono le caratteristiche che devono essere ricercate nei lampadari sotto questo aspetto? Prima di tutto, è bene badare alla longevità e alla capacità di resistere nel tempo: ecco perché non ha senso prediligere modelli che costano poco, perché si corre il rischio che si danneggino o si usurino nel giro di breve tempo. Meglio concentrarsi sulla durabilità di un lampadario, insomma, anche al prezzo di una spesa un po’ più alta rispetto a quel che si era preventivato in un primo momento. 

Prev "Chesil Beach" e "Widows": i film da non perdere a novembre
Next Gadget da viaggio personalizzati, gli indispensabili per agenzie e tour operator

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment