Come scegliere la macchina da cucire più adatta alle proprie esigenze

Macchina da cucire come sceglierla

Tutte le appassionate di cucito prima o poi vogliono passare da ago e filo o uncinetto e ferri alla macchina da cucire, perché permette di creare lavori più elaborati in molto meno tempo. Da chi la usa solo per rammendare a chi crea veri e propri abiti confezionati degni dell’alta sartoria, è uno strumento utilissimo e in molti casi indispensabile per chi è appassionata di cucito. Il grande enigma, quando si vuole cominciare a cimentarsi con la macchina da cucire, è: quale comprare?

Come si fa, infatti, a capire qual è quella più adatta alle proprie esigenze e quella con il miglior rapporto qualità-prezzo? Ovviamente diciamo subito che non c’è una macchina da cucire migliore rispetto a tutte le altre, ci sono tre brand di riferimento, che sono Singer, Necchi e Brother e tutti e tre (più molti altri marchi meno blasonati) hanno una gamma di prodotti molto vasta che va dalle macchine “da campeggio”, ossia quelle portatili che servono giusto per rammendare e costano molto poco, a quelle professionali, usate dai sarti dell’haute couture. Nel mezzo ci sono tante macchine che possono andare bene per chi è alle prime armi o per chi vuole creare a casa propria abiti degni di una buona sartoria.

Macchina da cucire: in base a cosa sceglierla

Macchina da cucire prezzi e caratteristicheIl primo elemento da considerare quando si deve acquistare una macchina da cucire è per quanto tempo si intende utilizzarla. Si ha intenzione di usarla per molte ore durante la giornata o solo sporadicamente? Il secondo elemento è lo scopo: ci servirà solo per rammendare e rattoppare o per fare qualche lavoretto ogni tanto o vogliamo lavorare seriamente con questo mezzo e creare molte confezioni nell’arco di un mese?

Se l’uso sarà intensivo ci servirà una macchina da cucire semiprofessionale, se, invece, sarà un uso solo saltuario, potremo optare per quelle della fascia più bassa e a prezzi dunque più convenienti. I prezzi, per l’appunto, vanno da meno di 100 euro fino a oltre 500 euro. Già con 200 euro circa si può avere un’ottima macchina da cucire come la Singer Talent 3323 o la Necchi-Zakka 120.

Ci sono poi ottimi siti che sanno indirizzare verso la macchina da cucire perfetta per ogni esigenza, con guide dettagliate che vanno dall’esame delle funzioni e degli accessori al tipo di crochet. Nella scelta, infatti, occorre tenere conto di quali funzioni mette a disposizione un macchina: dagli occhielli semi-automatici alla capacità di regolare i punti in lunghezza a in ampiezza. Inoltre, se si intende farne un uso intensivo è meglio optare per una macchina con un tipo di crochet rotativo, perché quello oscillante può avere una durata scarsa nel tempo. Un altro fattore da tenere assolutamente in considerazione è il tipo di materiale che andremo a cucire: saranno stoffe molto leggere o stoffe spesse come il denim o addirittura il cuoio? Bisogna dunque trovare tra le caratteristiche della macchina da cucire lo spessore massimo dei materiali lavorabili.

Prev Vacanze active: dove fare canyoning in Italia e quale attrezzatura serve
Next Recensioni cinema: The Lodgers, Il Giustiziere della Notte, Vengo anch’io, Nome di donna

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment