Consigli per mangiare bene anche in ufficio

Le alternative alla pausa pranzo al bar.

Pausa pranzo ideale

Ormai quasi tutti sono ritornati in ufficio al solito tran-tran quotidiano e se c’è un momento della giornata in cui è bene non farsi trascinare dalle solite brutte abitudini è quello della pausa pranzo. Quando non c’è la mensa spesso si opta per il bar nei pressi del luogo di lavoro, che non può offrire chissà che: i soliti panini con insaccati che non si sa bene da dove provengono, formaggi sconosciuti, o peggio ancora cibi fritti e snack preconfezionati. Ebbene, non si può mangiare ogni giorno questo cibo che rientra chiaramente nella categoria junk food, meglio optare per qualcosa di più salutare che ci portiamo direttamente da casa, senza contare che in questo modo risparmiamo lo stress della coda alla cassa e la lotta all’ultimo tavolino.

La “schiscetta” è la la soluzione migliore per chi vuole seguire un’alimentazione più equilibrata. Anche un semplice panino, facile e veloce da preparare, può essere preparato con ingredienti che ci garantiscono il giusto apporto di carboidrati e proteine limitando i grassi.

L’ideale è usare pane integrale, che fornisce carboidrati e lento rilascio indispensabili per la lucidità mentale, visto che c’è ancora mezza giornata di lavoro davanti. Buono anche il pane ai semi di papavero eo di sesamo, quello alle noci, ai semi di girasole e ai cereali. Come condimento si possono mettere insaccati o verdure, formaggio grana, uova o una salsina preparata a casa al posto di ketchup e maionese.
Lo stesso si può fare con l’insalata, arricchita di mais, gamberetti, funghi o altre i ingredienti di nostro gradimento.  Potete portarvi anche un frutto, delle carotine o altre cruditè e del tè verde preparato a casa (evitando così le bibite confezionato troppo zuccherate).

Se l’ambiente di lavoro è particolarmente amichevole ci si può mettere d’accordo e ogni giorno uno porta qualcosa per tutti, in questo modo si evita di cucinare per tutta la settimana e varia il menu.

Ma la pausa pranzo è importante anche per altri motivi oltre che per il cibo: serve a ricaricarsi mentalmente, perciò è meglio evitare di continuare a parlare di lavoro e magari approfittare per stare un po’ all’aria aperta o fare un giro nei negozi vicini all’ufficio o in libreria.

Prev Knitting: il valore terapeutico dello "sferruzzare"
Next FitFlop ha presentato la preview PE 2016

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!