Detersione viso: My Cleasing Milk per le pelli disidratate

Un prodotto che purifica in profondità ma con delicatezza.

Detergente viso My Cleasing Milk per pelle secca

Per chi ha il problema di non riuscire a idratare bene la propria pelle del viso, arriva in soccorso My Cleasing Milk, un trattamento cremoso che è in grado di purificare in profondità, ma con dolcezza, eliminando metalli pesanti, cellule morte e rispettando il pH della pelle.

Grazie a My Cleasing Milk il viso appare subito più luminoso e la pelle più elastica. Questo prodotto, che costa 39 euro nel formato da 50 ml, si applica mattina e sera massaggiando con la punta delle dita e facendo movimenti circolari. Per toglierlo si può usare una velina o una spugnetta inumidita.

Questi sono i principi attivi di My Cleasing Milk:

estratto di polline: tonico, nutritivo, rinvigorente, rilassante, distensivo,
riequilibrante, disintossicante e rigenerativo;

phytochelatine: proteggono la pelle dall’inquinamento, dai radicali liberi e dall’invecchiamento precoce, dalla tossicità dei metalli pesanti, aumentano la vitalità e la longevità cellulare e rafforzano la matrice extracellulare;

complesso di rna e dna vegetale idrolizzati: unità di base di tutti gli organismi viventi, rigenera le cellule cutanee, combatte efficacemente gli effetti del tempo, idrata e tonifica la pelle;

cellule attive di ninfea bianca: limitano la comparsa dei segni di invecchiamento cutaneo;

peptide derivato dal tabacco selvatico: stimola la sintesi di nuovo collagene, proteggendolo contro la degradazione;

attivatore di dopamina: astringente, stimolante e rinvigorente, conferisce alla pelle una sensazione di radioso benessere;

estratto di germe di grano: anti-radicali liberi, detossinante;

estratto di malva: addolcente e rinfrescante;

– acqua distillata di fiordaliso: decongestionante e astringente;

– acqua distillata di fiore di arancio dolce: tonificante e vitalizzante.

My Cleasing Milk fa parte della linea MySkin i cui prodotti sono tutti senza parabeni, non testati su animali e sono venduti in contenitori airless, quindi protetti da possibili contaminazioni batteriche.

Prev I papillon filet di Gerlando Dispenza
Next Latte: con cosa si può mangiare. Le combinazioni alimentari

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!