Energy Drink: ecco perché fanno male ai ragazzini

Queste bevande sono sconsigliate agli under 18.

Energy drink fanno male ai ragazzini

Ammetto di aver scritto metà della mia tesi di laurea sotto l’effetto di energy drink, questo perché di giorno lavoravo e potevo scrivere solo di notte. Tuttavia cercavo di limitarne al massimo l’uso, perché mi rendevo conto che berli mi faceva venire la tachicardia. Per fortuna avevo già 24 anni.

Ebbene sì, perché gli energy drink solo fortemente sconsigliati agli under 18. Il motivo? Eccolo: contengono sostanze che vengono usate come base per cocktail alcolici (es. guaranà, taurina e glucuronolattone) perché hanno la caratteristica di diminuire la percezione alcolica e se vengono tenuti abitualmente provocano tachicardia (come succedeva a me anche se ero già adulta), irritabilità, insonnia, nausea, ansia e nervosismo.

Se vengono assunte da adolescenti possono addirittura compromettere le capacità cognitive perché quando lo sviluppo non è ancora completato (almeno fino a 18 anni) il metabolismo e il sistema nervoso stanno ancora maturando e con gli energy drink si rischia seriamente di influenzare lo sviluppo di alcune aree del cervello.

Dall’uso di energy drink in età adolescenziale, quindi, può scaturire l’alterazione del comportamento e una minore capacità di attenzione e di concentrazione.

Stiamo parlando di adolescenti, ma è sottinteso che per i bambini gli energy drink sono assolutamente vietati.

Prev La monogamia ha origini nella preistoria
Next Caramelle al collagene: perché penso che siano una fregatura…

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment