Eyelash extension: uno sguardo magnetico in un batter di ciglia!

L’ultima tendenza in fatto di ciglia: le extension che durano quattro settimane.

Persino nel lontano 1913 il chimico statunitense T.L. Williams ebbe un’intuizione geniale nello “spazzolare” le ciglia poco folte della sorella con una miscela di vaselina e polvere di carbone. Lo scopo? Farle riconquistare il fidanzato da cui era stata appena mollata. E proprio a Mabel, sorella del chimico, si deve la denominazione di una delle aziende cosmetiche più famose al mondo: la Maybelline, che si contende da sempre con Rimmel la paternità del sacro Mascara!

In pochissimo tempo è diventato per ogni donna un dettaglio essenziale per un make-up perfetto. Lo sguardo si carica di sex-appeal, provoca, incanta, seduce…

Splashproof o waterproof, longlasting, lash lift, ultraflex, top coat, cils à cils… sbattere le ciglia non è mai stato così charmant e glamoureux per chi le vuole allungare, incurvare, infoltire, volumizzare e far brillare.

E se per avere lo sguardo di Liz Taylor il mascara non è abbastanza, il nuovo continente ha lanciato un trend che sta impazzando in ogni dove: le più durature lash extension in alternativa alle ciglia finte usa e getta.

Si tratta di allungamenti veri e propri che permangono anche per un mese dando un effetto molto naturale. Con una particolare tecnica di precisione le ciglia artificiali vengono unite una ad una a quelle vere utilizzando una colla anallergica speciale, adatta perfino a chi usa lenti a contatto.

Per almeno quattro settimane si avrà lo sguardo ammaliante e seducente di una gatta, dopo di che, terminato il ciclo biologico delle ciglia naturali esse cadranno insieme alle extension in maniera ovviamente graduale e senza incorrere nello spauracchio di assomigliare a Crudelia Demon.

I centri che applicano le lash sono davvero tanti e sebbene il costo non sia poi così conveniente (va dai 200 ai 250 €) tutte vorremmo provare almeno una volta l’ebbrezza di sembrare delle cerbiatte!!

Prev I nanetti da giardino misurano le differenze di gravità terrestre
Next Primavera, la stagione dell'amore

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment