Hasta la Pizza, lo snack salato che si mangia come un gelato

Uno snack innovativo ideato da un imprenditore friulano 35enne.

Hasta la Pizza

“Eat unexpected” è il motto di Hasta la Pizza e non poteva esserci slogan più appropriamo. Sì perché se il gusto di questo snack innovativo è quello di una pizza, l’aspetto, invece, è quello del gelato!

Hasta la Pizza, infatti, è la pizza sullo stecco ed è nato da un’idea di Gerardo Acampora, giovane imprenditore friulano 35enne che è titolare dell’azienda M.E.G.I.C. Pizza, leader nella produzione di pizza di altissima qualità per la grande distribuzione.
Questo prodotto innovativo ha già stupido a l’Anuga di Colonia, all’Alimentaria di Barcellona e di recente a Cibus, il Salone Internazionale dell’Alimentazione di Parma.

Come è nata l’idea? Mentre osservava due ragazzini che camminavano sulla spiaggia, Acampora ha notato che uno di loro mangiava il gelato sullo stecco con facilità, mentre l’altro aveva difficoltà evidenti a gustare il suo trancio di pizza. Questa invenzione si è poi concretizzata in un sistema di produzione brevettato e unico nel suo genere: la pizza sullo stecco che non cola e non unge e può essere gustata in qualsiasi momento della giornata: a passeggio, in ufficio, in bus, mentre si studia, al telefono, in spiaggia.

Hasta la Pizza è venduto in confezioni singole da 60 grammi ed è uno snack “da passeggio” che contiene meno del 10% di grassi, per un totale di circa 155 kcal. Si può trovare in diversi gusti come margherita, prosciutto, salamino e cioccolato ed è in vendita negli Ipercoop, nei cinema e a Gardaland.

Hasta la Pizza è già stato riconosciuto in Italia come uno dei prodotti più innovativi sul mercato, premiato all’Horeca 24 Innovazione dell’anno di Milano e vincitore del Taste 13 alla fiera Anuga di Colonia. Anche Spagna, Germania, Francia, Portogallo, Romania, Benelux, Norvegia e Regno Unito si sono interessati alla sua distribuzione.

Prev Make-up, Too Faced: terre, rossetti liquidi e ombretti per l'estate 2014
Next L'arte del flirt: uomini e donne faticano a capirne il linguaggio

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!