H&M raccoglie abiti usati da riciclare e dà buoni in omaggio

Da febbraio 2013 si potranno consegnare capi usati nei negozi H&M.

Entrare con un sacco di abiti usati e uscire con abiti nuovi e la coscienza appagata da una buona azione: è quello che potranno fare i clienti di H&M da febbraio 2013.
La famosa catena di abbigliamento low cost, infatti, raccoglierà in tutti i suoi negozi (presenti in 48 mercati del mondo) gli abiti usati che saranno riciclati in collaborazione con I:Collect.

Chi porterà i propri vestiti usati, di qualsiasi marca e in qualsiasi condizione, riceverà dei buoni da utilizzare presso i negozi H&M.

Lo scopo del brand svedese è di ridurre l’impatto ambientale evitando i rifiuti tessili e risparmiando risorse naturali. per produrre nuovi capi saranno utilizzati quelli vecchi, ovviamente dopo essere stati adeguatamente raccolti e rielaborati più volte fino a che non saranno pronti a essere riutilizzati.

L’esigenza di avviare una iniziativa del genere scaturisce dalla riflessione sul fatto che ogni anni tonnellate di rifiuti tessili vengono buttati insieme con la spazzatura domestica e vanno a finire in discarica nonostante il 95% di essi potrebbe tranquillamente essere riutilizzato o perché ancora in buone condizioni, e quindi indossabile, o perché adatto al riciclo.

H&M è alla ricerca di soluzioni tecniche che consentano di riutilizzare e riciclare le fibre tessili in modo da che esse abbiano un ciclo di vita chiuso e sia sempre meno necessario ricorrere a nuove risorse naturali da strappare all’ambiente e avendo allo stesso tempo meno rifiuti da scaricare nell’ambiente.

Prev Natale 2012: Ladurée lancia la linea di scatole di macarons "Les Indiennes"
Next Pantaloni Freddy WR.UP® effetto shaping: forme perfette e massima comodità

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!