I divi di Hollywood prestano la voce agli audiolibri di Amazon

Il colosso dell’e-commerce lancia il progetto A-List conivolgendo star come Kate Winslet, Dustin Hoffman, Nicole Kidman e molti altri.

Immaginate di essere finalmente a letto, dopo una giornata molto impegnativa e siete molto stanchi. Sul comodino c’è il libro che avete iniziato da mesi ormai, vi piace molto e mancano poche pagine, facciamo un centinaio. Di sera, però, non avete più voglia di leggere, capita nei periodi molto stressanti: non si ha tempo e forza neanche per dedicarsi alle proprie passioni, all’unica cosa che da sempre sia riuscita a rilassarvi. Ci vorrebbe un amico, che si sedesse ai piedi del letto, aprisse il libro proprio dove l’avete lasciato e ve lo leggesse ad alta voce. Bello, vero?

Ora: facciamo finta che siete in auto o in treno, dovete affrontare un viaggio di molte ore. Non avete voglia di ascoltare musica o di parlare con il vostro sconosciuto compagno di viaggio, volete starvene per conto vostro, a pensare mentre guidate o guardate fuori dal finestrino. Vi viene in mente quel libro che avete comprato da un po’ di tempo, magari un grande classico che da sempre dite di voler leggere, ma che vi aspetta speranzoso sulla mensola fra i suoi compagni. Sarebbe una fortuna avere un’amica che, a fianco a voi, cominci a leggere l’incipit del grande romanzo.

Ora, immaginate che a leggere il vostro libro non sia un amico, ma una star di Hollywood (magari facciamo finta di conoscere l’inglese alla perfezione ☺). Potete scegliere tra Susan Sarandon, Kate Winslet, Dustin Hoffman, Nicole Kidman, Anne Hathaway e tanti altri.

Infatti, da pochi giorni, il Los Angeles Times ha annunciato che Amazon, uno dei più celebri siti di e-commerce al mondo, ha lanciato il progetto A-List attraverso un accordo tra i grandi del cinema americano e Audible.com, la società di audiolibri di Amazon. Libri letti chiaramente e ad alta voce dai vostri attori preferiti, in formato mp3, da tenere in borsa nei vostri lettori mp3 e i-Pod, o nell’autoradio o nel vostro PC.

In America l’audiolibro è un successo, nato per essere utilizzato dai non vedenti (grandiosa invenzione per loro, ci pensate?), e divenuto popolare anche per chi viaggia spesso o per chi ha poco tempo da dedicare alla lettura.

In Italia, invece, il mercato degli audiolibri non è ancora decollato e in questo periodo deve far fronte alla crisi dell’editoria di cui tanto si sente parlare. Inoltre, soprattutto i lettori forti, ossia le persone che leggono dieci o più libri in un anno, sono scettici di fronte a questa innovazione. La lettura è un momento molto personale, il libro è un oggetto da toccare, sfogliare, scarabocchiare e persino annusare. Non è facile accettare un intruso nell’intimità con il proprio libro.

Io stessa da sempre ho snobbato gli scaffali degli audiolibri. Eppure, mi sono accorta che, crescendo, gli impegni e il lavoro mi hanno privata non solo del tempo, ma anche dell’energia che prima impiegavo nella lettura. E adesso che Goethe mi aspetta da mesi per finire proprio quelle ultime cento pagine di cui parlavo prima, mi rendo conto che non disdegnerei la compagnia di una bella voce che legga al posto mio. Anzi, credo proprio che sperimenterò Camilleri che legge Montalbano, poiché non sono mai riuscita a scivolare fra le parole siciliane di questo grande autore. No, non è una star del cinema, ma un grande della letteratura nostrana. Decisamente meglio, non si può proprio dire che l’Italia è sempre indietro rispetto all’America. Voi cosa scegliereste?

Prev La barba? Ci piace!!! - Le donne preferiscono i barbuti
Next Emma Watson accantona l'idea di una linea d'abbigliamento eco-friendly

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!