I segreti per pulire e lavare i tappeti (anche pregiati)

Soprattutto se soffrite di allergie, dovete tenere i tappeti sempre puliti.

Come pulire i tappeti anche pregiati

I tappeti, si sa, sono belli e in alcuni casi anche comodi, ma sono anche un covo di acari e se soffrite di allergie dovete stare molto attenti e mantenerli sempre puliti. In realtà, se le vostre allergie sono forti, sarebbe meglio evitare di tenere tappeti in casa, se invece sono leggere, potete averne qualcuno, l’importante è pulirlo.

La regola numero uno, ovviamente, è passare l’aspirapolvere anche più volte a settimane. Se avete degli animali in casa ci penseranno loro a rendere indispensabile l’utilizzo dell’aspirapolvere anche quotidiano…

Non limitatevi tuttavia al solo uso dell’aspirapolvere, ma ricorrete anche ad altri strumenti, come per esempio il battitappeto, quando la giornata lo permette e potete portare il tappeto fuori (sul terrazzo o sul balcone, ma stando attenti a non dare fastidio ai vicini). Un ottimo strumento per pulire i tappeti e anche il più economico è la scopa di saggina.

Se i tappeti sono molto pregiati e magari anche un po’ datati dovete fare attenzione a non rovinarli, in questi casi è consigliato l’uso di spazzole in fibra naturale morbida.
I tappeti vanno puliti anche dalla parte che poggia sul pavimento, in questo caso basta usare anche una normale scopa o l’aspirapolvere.

Un paio di volte all’anno (non di più altrimenti si rovinano) dovete procedere anche al lavaggio. Se non potete portarli da un esperto e volete procedere per conto vostro potete usare una soluzione detergente di acqua e ammoniaca (poca!), oppure potete usare, invece dell’ammoniaca, un po’ di vino bianco.

Un altro detergente si può ottenere con acqua (un litro circa), mezzo bicchiere di alcol denaturato e un po’ di detersivo liquido per piatti (bastano poche gocce), anche in questo caso potete aggiungere qualche goccia di ammoniaca.

Quando procedete al lavaggio del tappeto usate una spazzola morbida e spazzolate nel senso del pelo del tappeto, non dovete bagnarlo completamente e per asciugarlo mettetelo all’aria aperta (è un’operazione consigliata nella bella stagione), ma non esposto al sole perché potrebbe farlo schiarire. Potete asciugarlo anche con una spugna o con un asciugamano di lino.

Non usate l’asciugacapelli o caloriferi di qualsiasi tipo, né mettetelo vicino al termosifone o al fuoco, perché potrebbe avere un cattivo odore alla fine dell’asciugatura.

Prev Vasuma Eyewear, occhiali da vista dal design unico
Next Caleffi lancia l'e-book di favole "Buonanotte bambini"

1 Comment

  1. Ottimi consigli. Recentemente ho acquistato questo oggetto, che se posso consiglierei. http://mobilityclean.com/prodotto/sottoscarpe-monouso/ . Appena entri in casa, un piccolo gesto e le scarpe sono rivestite di un velo che trattiene lo sporco. Adesso, sei pronto per andare dove vuoi in casa. Lo sporco è bloccato ! Ecco, adesso la probabilità di sporcare tappeti, pavimenti etc… è ridotta al mimino. .. Meglio faticare poco, no!?

    Reply

Leave a Comment