Il tavolo da biliardo: un tocco di classe in una casa di lusso

Tavoli da biliardo artigianali classici

Il tavolo da biliardo non è solo un oggetto destinato a chi compete a livello agonistico in quello che, seppur molto diverso dalla maggior parte delle attività fisiche, è considerato uno sport a tutti gli effetti. È anche un complemento d’arredo estremamente prestigioso.

Ne esistono un po’ per tutte le tasche, ma mentre quelli a basso costo sono pensati soprattutto per chi vuole avere un passatempo in casa, i tavoli da biliardo artigianali sono dei veri e propri pezzi d’arte e sono destinati a essere tramandati di generazione in generazione.

Tavolo da biliardo moderno per arredoSi tratta infatti di pezzi unici realizzati da artigiani esperti che prestano attenzione al minimo dettaglio e applicano un metodo scientifico per realizzare un prodotto che non è solo bello da vedere, ma anche performante. Infatti i migliori tavoli sono quelli utilizzati anche dai giocatori professionisti. E tuttavia, oltre a essere pensati per garantire il miglior gioco possibile, sono anche decorati e ornati per diventare dei complementi d’arredo inimitabili, di classe e di estremo prestigio.

Non tutti possono permettersi un tavolo da biliardo in casa, non solo per una questione economica, ma anche di spazio. Esso, infatti, è il re dell’ambiente in cui viene collocato, per questo ha bisogno di un grande salone, non solo per garantire la possibilità di movimento quando si gioca, ma anche per risaltare con la sua bellezza e l’unicità della lavorazione.

Per quanto riguarda il tipo di arredamento, esistono tavoli da biliardo artigianali un po’ per tutti i gusti, da quelli classici per i grandi saloni arredati con mobili di lusso, a quelli più moderni, perfetti per loft arredati in stile industriale, anche se il mix di stili è sempre consigliato e un bel tavolo da biliardo classico può stare benissimo anche in un loft industrial.

Prev I grassi di noci, mais e soia allungano la vita
Next Da The Florida Project a Foxtrot, i film in sala nella seconda metà di marzo

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!