La cannella nei dolci? Sempre! Ecco perché

Cannella contro grassi e zuccheri

La cannella è una delle spezie della salute di cui vi abbiamo parlato spesso e vi abbiamo anche spiegato perché fa bene mangiarne un po’ ogni giorno. Ora arriva anche un’ulteriore conferma sul fatto che essa sia particolarmente consigliata quando si mangiano dolci.

Io metto sempre la cannella in tutti i miei dolci (e non solo, spesso anche in ricette “salate”) e oggi sono molto contenta di sapere che esistono studi scientifici che spiegano perché è così utile per contrastare grassi e zuccheri (di cui i dolci sono, ovviamente, ricchissimi).

In pratica uno studio pubblicato sulla rivista Metabolism e condotto presso lo University of Michigan Life Sciences Institute ha spiegato che la cannella potrebbe essere un’ottima alleata contro l’obesità in quanto l’aldeide cinnamica, che è l’olio essenziale che dona a questa spezia il suo tipico sapore, migliora la salute metabolica e agisce direttamente sulle cellule di grasso (adiposità), inducendole a iniziare a bruciare energia per termogenesi.

Il punto di partenza dello studio è stata la constatazione che l’aldeide cinnamica sembra proteggere i topi dall’obesità e dall’iperglicemia. Gli scienziati hanno allora testato degli adiposità umani da volontari di diverse età, etnie e con diversi indici di massa corporea.

Sulle cellule trattate con l’aldeide cinnamica è stata notata una maggiore espressione di diversi geni ed enzimi che migliorano il metabolismo dei lipidi. Inoltre è stato registrato un aumento di due proteine regolatorie metaboliche (Ucp1 e Fgf21), che sono coinvolte nella termogenesi, ossia nel processo tramite il quale si brucia energia.

I ricercatori che si sono occupati di questo studio continueranno il loro lavoro sulla cannella perché vogliono capire qual è il modo migliore per sfruttare i benefici metabolici della cannella senza effetti collaterali.

Prev Il futuro che viene dal passato: l'esperienza di Guado Urbino, "co-selling" di artigianato locale
Next Pellicce sintetiche? A volte sono di veri peli di animali! Ecco come distinguerle

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment