La London Fashion Week 2016 in numeri

L’infografica di Stylight su ciò che di rilevante è successo a Londra durante la Fashion Week.

London Fashion Week 2016 in numeri

L’alta moda questa settimana approda a Milano, ma intanto, dopo aver visto tutti i numeri sulla New York Fashion Week, ecco che gli amici di Stylight hanno realizzato una interessante infografica anche sulla London Fashion Week 2016 che si è chiusa ieri e che, come sempre, ci ha dato tante indicazioni sulle passerelle e anche tanto di cui sparlare fuori dalle passerelle.

Tra i momenti da non dimenticare di questa settimana della moda londinese, ci sono senza dubbio l’incursione di Gigi Hadid con il fidanzato Zayn Malik allo show di Versus per veder sfilare la sorella Bella Hadid.

Ma ad attirare l’attenzione è stato anche chi, invece, non si è fatto vedere, ossia Philip Green, a capo dell’Arcadia Group e dunque di Topshop, che non si è presentato alla sfilata. E a proposito di Topshop, la collezione Unique è stata messa in vendita subito dopo la presentazione in passerella sull’onda del see-now buy-now seguita anche da Burberry, che ha venduto immediatamente la sua collezione.

Altri aneddoti degni di nota sono: Charlotte Olympia che ha fatto sfilare le modelle con 14 banane gonfiabili, Ashish che in passerella, invece, ha mandato un vero serpente e poi le 26 paia di Crocs viste ai piedi delle modelle durante la sfilata di Christopher Kane.

Per quanto riguarda l’impatto della London Fashion Week 2016 sui social network, Topshop batte tutti con 1.131.800 like su Instagram, mentre Burberry ne ha ottenuti 400.000. Christopher Kane con 6 foto ha ottenuto 7.670 like, ma non ha mai twittato e anche Erdem, Mary Katranzou e J W Anderson hanno preferito Instagram a Twitter ottenendo rispettivamente 32.194; 39.962 e 57.036 like.

L’hashtag #LFW ha ottenuto 1.225.364 di post su Instagram mentre #topshopunique ne ha totalizzati 15.604.
Un hashtag molto importante lanciato dal sindaco di Londra Sadiq Khan è #LondonIsOpen, per supportare il messaggio che, nonostante la Brexit, la capitale britannica è una città aperta e accogliente. Molte case di moda hanno aderito all’invito del primo cittadino di usare questo hashtag.

Stylight - London Fashion Week in Numeri - Infografica

Prev Ospiti vegani? Ecco qualche idea semplice e veloce per la cena
Next Gioielli unisex street rock: Pietro Ferrante riscopre il bronzo per Wanderlust

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!