La rivincita delle bionde: oche in Italia, privilegiate in Australia

Stipendio più alto e un matrimonio ben più vantaggioso, se non siete bionde naturali correte dal parrucchiere e poi in… Australia!

Secondo un autorevolissimo studio scientifico dell’Università del Queensland a Brisbane, nella lontana Australia, dove, si sa, le bionde sono la maggioranza, queste ultime guadagnerebbero circa il sette per cento in più rispetto alle altre. Non solo, tendenzialmente sposano anche uomini ricchi!

In tempi di crisi economica, precariato, competitività del mondo del lavoro, investire sui propri capelli sembra la scelta giusta… Diremo addio al luogo comune secondo cui la bionda è oca: al contrario risulta essere furba, avveduta, organizzata, lungimirante. La bionda vince… in Australia!

In Italia invece si perpetua lo stereotipo che vede le bionde più disponibili delle altre, più facili alle avventure di noi comuni castane.
Secondo un sondaggio nostrano, condotto su mille nostre connazionali dal portale Incontri-ExtraConiugali.com, essere bionde fa sentire più sexy, più trasgressive, più disinibite, più inclini al tradimento. In poche parole: uomini se state per sposare una bionda fate ancora in tempo a cambiare idea…

L’ecosistema ha resistito all’estinzione dei dinosauri, ma riuscirà a resistere alla scomparsa delle bionde? Non è una battuta, mie simpatiche lettrici dai fluenti capelli dorati, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità siete portatrici di un gene recessivo e quindi destinate a estinguervi entro massimo due secoli, non avranno scampo neppure le finlandesi!

Perbacco, mi viene da pensare: come faremo senza le Barbie? Solo alla morte non c’è rimedio, amiche care, tutte le teorie e i teoremi sulle bionde sono applicabili in modo identico anche a chi di biondo ha ben poco, a chi insomma i capelli li tinge. Attenzione però, la ricrescita potrebbe svelare il vostro piccolo segreto!

Prev Collezione primavera 2012 Lush UK: Easter Range dedicata alla Pasqua
Next Lush UK festeggia le mamme con la collezione Mamma mia 2012

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!