Lavori di notte? Allora meglio uno spuntino che una cena pesante

Spuntino per lavoro di notte

Quando si lavora di notte è difficile capire come regolarsi con l’alimentazione. È meglio un pasto abbondante, che non ci faccia venire fame, oppure uno più leggero? Se lo sono chiesti anche i ricercatori dell’Università dell’Australia Meridionale i quali hanno poi pubblicato i risultati ottenuti sulla rivista scientifica Nutrients.

Dalla ricerca condotta su 44 persone con turni i lavoro simulati per una settimana, è emerso che è meglio mangiare poco per essere più attenti e più produttivi quando si svolge un turno di lavoro notturno. Infatti i soggetti sottoposti all’esperimento sono stati divisi in tre gruppi: a uno è stato dato un pasto che comprendeva il 30% dell’apporto energetico di una giornata, a un altro uno spuntino del valore del 10% dell’apporto energetico e il terzo gruppo è stato lasciato a digiuno. I pasti sono stati consumati entro mezzanotte e mezza.

Sia coloro che avevano mangiato un pasto più abbondante, corrispondente più o meno a un panino, una barretta di muesli e una mela, sia coloro che erano rimasti a digiuno manifestavano un aumento della sonnolenza, un maggiore affaticamento e una riduzione del vigore durante il turno di lavoro notturno. Coloro che, invece, avevano consumato uno spuntino, come per esempio la sola barretta al muesli e una mela, avevano invece meno sonno e risultavano meno stanchi, di conseguenza erano più produttivi e lavoravano meglio anche di notte.

Prev Troppo tempo sui social fa male, soprattutto alle ragazze adolescenti
Next Gli ottimisti dormono meglio: hanno meno preoccupazioni e pensieri negativi

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment