Le regole per non rendersi ridicoli su Facebook


La pagina Facebook è più importante di un bigliettino da visita, ecco alcuni suggerimenti per non rendersi ridicoli sul famoso social network.

Dimmi che pagina di Facebook hai e ti dirò chi sei. Il diario o timeline (o semplicemente il profilo Facebook) di ognuno di noi deve essere curato meglio di un bigliettino da visita, già perché appena conosciamo una persona nuova (o a volte anche prima di conoscerla) la visita nel profilo del social network di Mark Zuckerberg è un passo obbligato. Per non parlare di quelle aziende che prima di assumere un nuovo impiegato vanno a sbirciare nella sua pagina.

Si possono scoprire tante cose sugli altri, ma soprattutto se ne rivelano tante su se stessi, ecco perché è bene stare attenti a cosa e a quanto si pubblica, o si rischia di cadere nel ridicolo. Ecco alcune regolette da seguire per evitare figuracce:

Non esagerate. È praticamente un comandamento e vale un po’ per tutto: per gli status, per i link, per le foto, per i “mi piace” e per i commenti. È bene infatti non pubblicare troppa roba sulla propria bacheca, anche perché si rischia di “infestare” la home dei propri amici e di passare per dei perdigiorno.

Evitate troppi link “sdolcinati”. Avete presente quei link con immagini e frasi a effetto? Bene, già pubblicarne uno solo può essere fastidioso, ma pubblicarne una sfilza si può rivelare letale per la vostra “social reputation”.

Occhio alle foto. Cercate di non pubblicare foto sempre dello stesso genere, per esempio sempre e solo foto delle serate in discoteca, sempre e solo foto di vostri primi piani, sempre e solo foto dei vostri animaletti e così via. Cercate di variare: un po’ di foto delle serate con gli amici, qualche foto del vostro cane/gatto, qualcun’altra per le strade della vostra città e nel vostro luogo di lavoro.

Non impicciatevi troppo negli affari degli altri. Sì, va be’, Facebook è fatto apposta per quello e quindi è ovvio che potete guardare tutti i profili che volete e spulciarli come più vi aggrada, ma state attenti con i “mi piace” e con i commenti: mai troppi nello stesso profilo, soprattutto se è di persone con cui non avete poi così tanta confidenza nella vita reale.

Non fate la cronaca dettagliata di ogni vostra azione giornaliera. Scrivete pochi status, ma incisivi, cercate di non scriverne uno per ogni cosa che fare (es. Pizza time, Colazione time ecc.)

Attenzione allo status. Fate sempre molta attenzione allo status che scrivete, evitate che sia troppo lungo (la regola di 140 caratteri di Twitter dovrebbe valere anche per Facebook…), evitate citazioni scontate e cercate invece di essere divertenti, spiritosi oppure di commentare con arguzia i fatti di attualità. Evitate inutili sfoghi che solo alcuni dei vostri amici capirebbero, perché così rischiate di irritare tutti gli altri che si chiederanno “Ma che cosa vorrà dire?!?”

Non fatevi coinvolgere in “catene di Sant’Antonio” e simili. State attenti quando copiate e incollate status che si stanno diffondendo in tutto Facebook, spesso sono solo catene di Sant’Antonio o, peggio ancora, bufale e rischiate di fare la figura degli allocchi che credono in tutto ciò che leggono sul social network. Per esempio, se si stanno diffondendo status sulla privacy in Facebook o particolari notizie in qualsiasi settore, verificatele prima di ripubblicarli, vi basta una rapidissima ricerca su Google.

Non cercate Vip per farli diventare vostri “amici”. Se volete seguire qualche personaggio famoso iscrivetevi alla sua pagina pubblica, non chiedetegli l’amicizia, anche perché spesso i profili dei Vip sono dei fake. In ogni caso, per seguire le celebrità è molto meglio Twitter!

Non fate “mi piace” sui vostri stessi link, status o foto. Se li state pubblicando è abbastanza ovvio che vi piacciano, inutile insistere.

Queste sono alcune delle regole fondamentali, sicuramente se ne possono trovare tantissime altre, chi vuole può aggiungerne qualcuna nei commenti ;-D

Prev Ricetta stuzzichini per aperitivo semplice e veloce
Next Il libro di Gugliemo Scilla: 10 regole per fare innamorare

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!