“Lost in Austen” il libro-game di Emma Campbell Webster

Arriva in Italia, edito da Hop, il libro che trascina la lettrice in una romantica e ironica sfida.

Lost in Austen non è un semplice libro di chick lit, ma un vero e proprio gioco che fa diventare ogni lettrice la protagonista delle avventure immaginate da Jane Austen per le sue eroine.

Una specie di Alice moderna che cadendo nella tana del coniglio si ritrova nell’universo creato da Jane Austen, tra cottage, canoniche e tenuto più o meno lussuose.

Lo scopo, ovviamente, è quello di trovare marito! Infatti, se “è una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo largamente provvisto di beni debba sentire il bisogno di ammogliarsi”, è anche “una verità universalmente riconosciuta che un’eroina di Jane Austen debba trovarsi un marito”, una dichiarazione chiaramente piena di ironia tanto nel tempo in cui scriveva Jane Austen che, lo ricordiamo, non si è mai sposata, quanto oggi, in cui essere single non è più un dramma, semmai una liberazione!

Il libro-game Lost in Austen di Emma Campbell Webster porta ogni lettrice a compiere delle scelte che ne determineranno il percorso esistenziale e sentimentale. Un destino che potrà deviare da Darcy verso Mr. Knightley, amico-amore della protagonista di Emma, o verso le atmosfere neo-gotiche di Northanger Abbey, grazie all’incontro con l’affascinante Mr. Tilney.
I punti conquistati dipendono da elementi come la Fortuna, la Qualità, l’Autostima, le Relazioni, i Difetti.

Il libro di 384 pagine, edito da Hop e venduto al prezzo di 21 euro, è impreziosito dalle illustrazioni di Pénélope Bagieu.

Prima di morire, Nora Ephoron, regista di commedie sentimentali universalmente adorate come Harry ti presento Sally, Insonnia d’amore e C’è posta per te, aveva completato lo script di un film basato sul libro Lost in Austen e su un’omonima serie tv britannica del 2008. I produttori pare abbiano intenzione di realizzare il film sulla base della sceneggiatura della Ephron, brillante ed effervescente come i suoi precedenti lavori.

Prev Natale 2012: Kiko lancia l'iniziativa #KIKOXMAS sui social network
Next La pelle sensibile o asma della pelle può dipendere dal sistema nervoso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment