Notting Hill: le comparsate delle star dei telefilm

Alla prima visione, nel 1999, ci erano sfuggiti alcuni volti diventati molto noti negli anni successivi.

Notting Hill - Comparse vip nel 1999

Qualche giorno fa ho rivisto Notting Hill. Non lo rivedevo da molto tempo perché non è propriamente tra i miei preferiti, anche se a distanza di tempo (e dopo un viaggio a Londra) ho avuto modo di apprezzarlo di più e soprattutto di scovare dei volti noti che nel 1999, anno di uscita del film, non mi dicevano ancora nulla. Ritrovarli ora è stato assolutamente sorprendente.

Mi ricordavo benissimo di Rhys Ifans, anzi, diciamo che l’ho scoperto proprio per questo film e già 18 anni fa era impossibile non notarlo perché il suo personaggio, Spike, è strepitoso, forse il migliore in assoluto di tutto il film, sicuramente il più divertente. Devo ammettere che per molto tempo per me questo incredibile attore (che ha avuto modo di confermare la sua bravura anche come “cattivo”) è stato “il coinquilino di Hugh Grant in Notting Hill che lo chiamava cazz0ne avariato”, una battuta indimenticabile, che non traduce letteralmente quella inglese (daft prick), ma fa ugualmente ridere.

Rhys Ifans in Notting Hill

Non mi ricordavo, invece, che nella parte del fidanzato di Julia Roberts/Anna Scott ci fosse Alec Baldwin, nonostante all’epoca fosse già molto famoso, anche se io l’ho apprezzato soprattutto nel ruolo di Jack Donaghy in 30 Rock con Tina Fey.

Alec Baldwin in Notting Hill

Ma chi proprio non potevo notare nel 1999 sono i tre attori che vediamo qui di seguito. La prima è una giovanissima, anzi proprio piccina, Misha Barton, che interpreta una giovane attrice che ha recitato nel film che Anna Scott sta promuovendo quando viene intervistata da William Thacker per Cavalli e Segugi (Horse and Hound). La piccola Misha racconta di aver recitato già in 22 film e che il suo preferito è quello con Leonardo Di Caprio (che Hugh/Will non sa chi sia). Qualche anno dopo è diventata Marissa Cooper di The OC.

Misha Barton in Notting Hill

La vera sorpresa è stata vedere un giovane Hugh Bonneville, praticamente ancora sconosciuto, che interpreta l’amico sfigato di Will e che ancora non immagina minimamente di diventare il conte Robert Crawley in Downton Abbey. Il suo personaggio, Bernie, è presente nelle scene di gruppo del protagonista con i suoi amici di sempre e la prima volta che incontra Anna Scott non la riconosce, facendo una figuraccia.

Hugh Bonneville in Notting Hill

Una piccola parte ce l’ha anche Emily Mortimer, che io ho amato alla follia in The Newsroom in cui è l’attenta produttrice esecutiva MacKenzie Morgan MacHale. In Notting Hill interpreta la ragazza perfetta, una delle donne con cui gli amici costringono Will a uscire durante i sei mesi in cui non vede più Anna e che è l’unica a piacere al nostro protagonista, anche se poi non la rivede più perché rispunta fuori l’americana.

Emily Mortimer in Notting Hill

E in una parte piccolissima c’è anche Dylan Moran, comico irlandese, che nel 1999 era agli inizi della carriera e in Notting Hill è stato il ladro Rufus, beccato dalla telecamera di sorveglianza della libreria di Hugh Grant/William Thacker. Ha recitato nella sitcom Black Books, che ha in parte anche scritto.

Dylan Moran in Notting Hill

Prev Solari Transvital: per il contorno occhi c’è Defense Eye Contour SPF 15
Next Lucidalabbra Dior Addict 2016: il nuovo Plumpling Ultra-Gloss

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!