Olio di oliva per combattere la stipsi

Olio oliva stitichezza

La stitichezza è uno dei disturbi più comuni nella popolazione, e allo stesso tempo uno di quelli per cui si prova più imbarazzo, evitando di andare dal medico e ricorrendo a rimedi fai da te. Sebbene non si tratti di un problema grave però, recarsi dal medico di famiglia è sempre l’opzione migliore, specialmente nel caso in cui la stitichezza arrivi all’improvviso. In alcuni casi infatti la stitichezza può nascondere un problema più grave, come ad esempio un tumore. Ci sono dei casi in cui la stitichezza può essere fisiologica: questo è ciò che succede nei neonati che ancora assumono latte, oppure nelle donne incinte. In generale, si parla di stitichezza quando l’evacuazione avviene meno di 3 volte a settimana; tra gli altri sintomi ci sono il gonfiore di stomaco, l’evacuazione dolorosa e le feci dure.

La stitichezza può essere causata da moltissimi fattori: tra questi troviamo un’alimentazione povera di frutta e verdura, l’abitudine di bere poco, la sedentarietà, lo stress e l’utilizzo di alcuni farmaci. Per questo motivo, la stitichezza spesso colpisce gli anziani, che tendono a muoversi e a bere poco. Ci sono inoltre alcuni cibi che possono causare o peggiorare la stitichezza: tra questi troviamo il riso, le patate, le carote, le banane, il tè, il vino rosso, gli insaccati e i latticini. Il caffè, invece, sembra avere un effetto benefico. Prima di ricorrere all’uso di lassativi – che devono sempre essere consigliati dal medico e non assunti autonomamente, in quanto possono avere seri effetti collaterali – è comunque possibile provare a risolvere il problema cambiando le proprie abitudini: ad esempio arricchendo la propria alimentazione di verdure cotte come spinaci e cavolfiori, di frutta come i kiwi, bevendo di più e facendo più movimento.

Un altro possibile alleato contro la stitichezza è l’olio d’oliva: si tratta di un alimento che contribuisce ad ammorbidire le feci e a lubrificare le pareti dell’intestino, e può essere assunto in due modi: integrandolo nella propria alimentazione – ad esempio condendo con olio d’oliva a crudo delle verdure cotte al vapore – oppure bevendo un cucchiaio d’olio a crudo ogni mattina. Questo rimedio della nonna è estremamente efficace contro la stitichezza, e non ha controindicazioni: può infatti essere utilizzato anche in gravidanza, dai bambini e dagli anziani. Se l’idea di bere un cucchiaio d’olio al mattino non è proprio allettante, potete stemperarlo in qualche goccia di succo di limone: non solo otterrete una buona dose di vitamina C, ma stimolerete l’apparato digerente e aiuterete il colon a depurarsi. C’è chi preferisce assumerlo come integratore in capsula o bevendo una quantità minima tutti i giorni di infuso di foglie di olivo, una pianta straordinaria ricca di polifenoli considerata un vero alleato per la salute.

L’olio d’oliva ideale da utilizzare come lassativo è quello extravergine, estratto a freddo da spremitura meccanica. A differenza di altri lassativi, inoltre, l’olio d’oliva non irrita la mucosa intestinale e non porta all’atonia, quella condizione in cui l’intestino diventa dipendente dal lassativo. Naturalmente, l’olio d’oliva non è una panacea: non potrete limitarvi a prendere un cucchiaio d’olio ogni mattina, ma dovrete anche seguire tutte le indicazioni precedentemente elencate riguardo all’alimentazione e allo stile di vita. Così facendo riuscirete a liberarvi in breve tempo della stitichezza e a vivere in modo più sano.

Prev 7 piante per arredare casa e purificare l'aria
Next Perfume Sampler: il kit di sei fragranze di Simone Cosac

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!