Pelle tostata? Attenzione a laptop e riscaldamento in auto

Esporsi per periodi prolungati a fonti di calore può provocare la “tostatura” della pelle.

In termini tecnici si chiama Eritema Ab Igne (EAI), ma è molto più nota come sindrome della pelle tostata. Consiste nell’eruzione di alcune aree della pelle e si verifica dopo una prolungata esposizione a fonti di calore.

Anche se non è una malattia pericolosa, i medici consigliano di fare molta attenzione soprattutto perché spesso non viene diagnosticata facilmente e quindi vengono effettuati numerosi e inutili test.

Fino a qualche anno fa questo disturbo si manifestava soprattutto dopo l’esposizione a stufe, magari tenute sotto un tavolo. Ora, però, la tecnologia sta cambiando e la “tostatura” della pelle si verifica sempre più di frequente su persone che usano spesso il computer portatile poggiandolo sulle cosce e sulle ginocchia e su chi viaggia in auto con il riscaldamento accesso per periodi prolungati, soprattutto se sono riscaldati anche i sedili.

Anche se dal punto di vista fisiologico non è pericolosa, la sindrome della pelle tostata è molto fastidiosa esteticamente ed è bene guarirne prima dell’estate, quando si cominciano a scoprire le gambe (solitamente sono proprio le gambe le più colpite). Come si guarisce? Evitando di continuare l’esposizione alle fonti di calore e usando un’apposita pomata consigliata dal proprio dermatologo di fiducia.

Prev Le medagliette del Piccolo Principe per grandi e piccini
Next Il video della TwittDance di Jovanotti

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!