Perché è importante conservare il cordone ombelicale

Approfondimento a cura dell’ufficio stampa Sorgente.

Cellule cordone ombelicale

Il cordone ombelicale rappresenta il collegamento tra mamma e bambino durante i nove mesi di gestazione. La sua funzione principale è consentire lo scambio di nutrienti e ossigeno, ma riserva molte altre sorprese. È infatti ricchissimo di cellule staminali mesenchimali, in grado di differenziarsi in un gran numero di progenitori. Trattate in maniera adeguata, queste cellule stimolano la riparazione dei tessuti, modulano le risposte del sistema immunitario. Hanno inoltre delle applicazioni anche nella lotta contro i tumori (cfr. fonte 1). Per questo motivo, negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede la conservazione del cordone ombelicale.

Le cellule staminali mesenchimali hanno un gran numero di applicazioni, grazie a una spiccata capacità di proliferazione e di differenziazione multilineare. A partire da loro si possono ottenere in tempi rapidi diversi tipi di tessuto, come ossa, pelle, cartilagine, grasso e muscoli (cfr. fonte 2). Oltre a tutto questo, hanno anche proprietà immunomodulatorie.

La fonte di cellule staminali mesenchimali più comune – nonché la prima individuata – è il midollo osseo. Nel corso degli anni, però, gli scienziati hanno individuato altre possibili fonti. Il cordone ombelicale è una di queste. Le staminali del cordone sono facili da raccogliere e hanno proprietà di auto-rinnovamento più veloci rispetto a quelle del midollo osseo (cfr. fonte 1). Inoltre, la procedura è del tutto indolore.

Le cellule staminali del cordone ombelicale sono localizzate in zone particolari. Il cordone si sviluppa a partire dalla 5a settimana di gestazione. Continua a crescere nelle settimane successive, fino a raggiungere i 50 cm di lunghezza che ha al momento del parto. Le cellule staminali mesenchimali sono presenti soprattutto nel rivestimento del cordone ombelicale, nella regione perivascolare e nella gelatina di Wharton (cfr. fonte 1).

Le cellule staminali del cordone possono essere usate nel trattamento di patologie nervose, patologie muscolari e cardiache (cfr. fonte 2). Gli studi clinici incentrati sull’uso delle cellule staminali mesenchimali del cordone ombelicale sono numerosi. Alcuni di questi ne prevedono l’utilizzo per il trattamento di malattie autoimmuni. Altri studi sono incentrati sul trattamento di malattie cardiovascolari, gastrointestinali, neurologiche. Ci sono anche studi che mirano a usare le staminali del cordone per riparare lesioni del midollo spinale e scheletriche, per accelerare la guarigione di ferite e per ridurre le complicazioni legate ai trapianti (cfr. fonte 2).

La conservazione del tessuto del cordone ombelicale è un atto importante per la nuova vita in arrivo. Permette infatti di “mettere da parte” cellule staminali con un grande potenziale terapeutico, compatibili e sempre a disposizione per eventuali trattamenti (cfr. fonte 2). Prima di prendere questa decisione, però, è importante che i genitori conoscano i passaggi di raccolta e conservazione del tessuto del cordone ombelicale (cfr. fonte 2).

La procedura di raccolta e conservazione del tessuto cordonale è semplice e indolore. Si parte con un semplice prelievo di sangue materno e con la raccolta del sangue cordonale. In un secondo momento, il personale medico raccoglie anche il tessuto del cordone ombelicale e lo immerge in una soluzione salina specifica.

I medici individuano una sezione del cordone lunga 10-15 cm, non forata durante la raccolta del sangue. La sterilizzano con garze sterili ed eliminano più sangue possibile, dopodiché la tagliano via. Sterilizzano di nuovo la sezione e la inseriscono in un apposito contenitore (cfr. fonte 3).

Sorgente offre un servizio di conservazione del tessuto del cordone ombelicale. Si impegna inoltre nei protocolli di espansione delle cellule staminali mesenchimali, tramite gli operatori e le infrastrutture della propria biobanca (cfr. fonte 2).

Per ulteriori informazioni sulla procedura di confezionamento e conservazione del cordone ombelicale: www.sorgente.com

Fonti:
1 – Human Umbilical Cord Mesenchymal Stem Cells: A New Era for Stem Cell Therapy – D.C.Ding, Y.H.Chang, W.C.Shyu, S.Z.Lynn
2 – Conservazione del tessuto cordonale – www.sorgente.com
3 – Istruzioni Procedura Raccolta del Tessuto Cordonale – www.sorgente.com

Prev Declaré: la nuova collezione di shower gel e body lotion
Next La frutta secca aiuta a ridurre il rischio di fibrillazione atriale

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!