Profumi: uno studio dice quali sono le note preferite dai consumatori

Profumi note preferite dai consumatori

In base a che cosa scegliamo un profumo? Il nome altisonante? Il brand famoso? La bellezza del flacone? Il prezzo? Se lo sono chiesti gli studiosi dell’Imperial College London e hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sulla rivista scientifica Plos One.

Ebbene, dallo studio è emerso che la popolarità di un profumo non dipende né dal fatto che sia stato lanciato come una novità, né dal prezzo, ma essenzialmente dalle note che ne costituiscono la piramide olfattiva e da come esse vengono accostate.

I ricercatori, in particolare, hanno applicato analisi di rete piuttosto complesse a dati online su mille note in più di diecimila profumi. I dati includevano valutazioni dei consumatori espresse tramite commenti e informazioni sulla popolarità dei singoli profumi.

Dal confronto tra le valutazioni online dei profumi e gli ingredienti è emerso che i prodotti più amati erano accumunati dal fatto che presentavano determinate note. Quelle più impiegate e Amat sono il gelsomino, il muschio, il bergamotto, il sandalo e l’ambra. Ma a fare davvero la differenza e a decretare il successo di un profumo sono soprattutto le combinazioni di note usate dai profumieri.

Tuttavia, hanno fatto notare i ricercatori, non è detto che le combinazioni più usate siano anche quelle con valutazioni più alte da parte dei consumatori. C’è dunque bisogno di più fantasia da parte dei profumieri. Per esempio gli studiosi hanno notato che l’accordo tra gelsomino e menta attira valutazioni più elevate, ma è poco presente nei profumi, così come la combinazione tra muschio, vaniglia e vetiver indiano.

Gli studiosi hanno anche notato che ci sono delle note che, aggiunte ad accordi già esistenti, li migliorano notevolmente: si tratta di note come il muschio, la vaniglia e quelle floreali. La ricerca condotta dagli scienziati britannici potrà essere molto utile ai profumieri per ideare nuove composizioni di profumi che conquistino i consumatori.

Prev Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban in concerto a Roma a dicembre 2019
Next Tiramisù World Cup 2019: al via le iscrizioni!

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment