Quanto dura l’adolescenza? Almeno fino ai 24 anni

Adolescenza fino ai 24 anni almeno

Quando si diventa adulti? La risposta è ardua, anzi, impossibile, perché non esiste una verità inconfutabile. C’è chi non si sente adulto neanche a 40-50 anni e chi, invece, già a 18-20 anni dimostra di essere maturo e di sapersela cavare benissimo da solo in tutto e per tutto. La scienza ha provato a individuare la durata dell’adolescenza ed è arrivata a una risposta che, tuttavia, non può essere generalizzata.

In particolare, sulla rivista Lancet Child & Adolescent Health, la dottoressa Susan Sawyer, direttore del centro per la salute degli adolescenti presso il Royal Children’s Hospital di Melbourne, ha spiegato in un articolo che l’adolescenza ora dura almeno fino ai 24 anni mentre in passato la si riteneva conclusa già a 19 anni.

L’adolescenza è facilmente individuabile da un punto di vista fisico, perché la sua fine coincide con la fine dello sviluppo, della crescita corporea, quindi intorno ai 19 anni, mentre dal punto di vista del cervello, esso continua a maturare fino oltre i 10 anni e funziona in modo sempre più veloce ed efficiente. Un altro indizio può essere l’eruzione dei denti del giudizio, che può avvenire anche oltre i 25 anni.

Dal punto di vista psicologico, invece, è davvero arduo definire la fine dell’adolescenza. Intanto, rispetto al passato, i giovani tendono a sposarsi e fare figlio molto più tardi dei propri genitori, inoltre c’è il problema dell’indipendenza economica, che è molto difficile da raggiungere e dunque il fatto che essi debbano dipendere in qualche modo dai genitori non fa che prolungare la loro adolescenza.

A queste considerazioni bisogna aggiungere anche il fatto che sempre più persone restano “psicologicamente adolescenti” anche se hanno un’indipendenza economica e in certi casi anche se si sono già formati una propria famiglia. Insomma, nonostante le indicazioni degli scienziati, definire questa età resta ancora un’impresa impossibile.

Prev Le crepe nel pavimento di casa sono pericolose
Next Pan di Spagna: la ricetta base del jolly della pasticceria

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment