Da Toglimi un dubbio a Noi siamo la marea, i film in sala nel weekend

Al cinema anche l’ottimo teen horror “Obbligo o verità” e il film d’animazione “Big Fish & Begonia”.

Toglimi un dubbio

Questo weekend al cinema vi aspettano alcune uscite molto interessanti e noi vi segnaliamo tre film completamente diversi: il francese “Toglimi un dubbio”, il tedesco “Noi siamo la marea”, il teen horror americano “Obbligo o verità” e il lungometraggio d’animazione “Big Fish & Begonia”.

“Toglimi un dubbio” è distribuito da Academy Two, diretto dalla regista Carine Tardieu, ha al centro della sua trama il rapporto fra padri e figli. Erwan è un artificiere che sta per diventare nonno, la giovane figlia Juliette è incinta, ma non vuole rivelargli l’identità del padre. A un test del DNA, Erwan scopre che Bastien non è il suo padre biologico e assume un detective privato per scoprire chi è il suo vero padre. L’incontro fra i due cambierà la vita di tutti gli altri protagonisti del film.

A ispirare la regista la storia di un amico bretone, che come il protagonista ha scoperto di avere due padri. “Toglimi un dubbio” racconta con estrema delicatezza una storia che poteva rischiare di essere troppo triste, già vista e poco equilibrata. Un film sull’essere padre in cui le madri brillano per la loro assenza

Al contrario, “Toglimi un dubbio” racconta con estremo equilibrio una storia sulla genitorialità con un gruppo di protagonisti ottimi. In primis François Damiens, fisico da cestista, ma fragile dentro, il motivo per cui Carine Tardieu l’ha scelto per interpretare il suo artificiere Erwan. A completare il cast, perfettamente amalgamato, la sempre splendida Cécile de France (Anna, la figlia e “sorellastra” di Erwan), i due padri Bastien (Guy Marchand) e Joseph (André Wilms) e la giovane Juliette (Alice de Lencquesaing).

Recensione di Noi siamo la marea

Diversa, eppure in un certo senso simile, la tematica al centro di “Noi siamo la marea”: un thriller sci-fi tedesco che ha per protagonisti due fisici Micha e Jana che decidono di studiare perché da quindici anni a Windholm è scomparsa la marea. Insieme alla marea non c’è più traccia dei bambini del luogo, gli abitanti della piccola città costiera sono tutt’altro che aperti all’arrivo dei due scienziati.

Micha e Jana dovranno scontrarsi con la diffidenza dei locali e la mancanza di interesse nei confronti del rettore e degli altri colleghi al fenomeno che ha cambiato per sempre l’animo e il paesaggio di Windholm. L’unica che vuole trovare la verità è l’ultima ragazza della città, la ricerca e i risultati dei ragazzi saranno spiazzanti.

E spiazza anche il film di Sebastian Hilger, la graduale ricerca della verità e la risoluzione del mistero della marea è legata in maniera indissolubile alla natura umana, a quello che si è lasciati dietro diventando adulti, come una piccola scatola dei segreti chiusa con un lucchetto.

Lo spettatore si cala al meglio nella realtà fantascientifica dipinta da Hilger, grazie alla splendida fotografia di Simon Vu e alla colonna sonora di Leonard Petersen, e poi scopre che ha da sempre nascosto una Windholm dentro di sé:

“Ci chiamano la ‘generazione Y’, ci hanno cresciuti facendoci credere di essere speciali e in grado di cambiare il mondo con le nostre idee e le nostre scelte. Ma continuiamo a sbattere contro porte chiuse. Siamo sempre in attesa del prossimo contratto a tempo determinato, del prossimo subaffitto, della prossima relazione a breve termine. Siamo intrappolati tra le incertezze. Il mio film parla della delusione di un’intera generazione. E della sua determinazione ad andare comunque avanti”

Obbligo o verità

La verità è al centro anche del teen horror “Obbligo e verità”, il titolo s’ispira a uno dei giochi che ci facevano compagnia da bambini. Un gruppo di amici, durante l’ultimo springbreak in Messico, finisce in una casa abbandonata e diventa vittima di un “demone” che ucciderà chiunque mentirà o non dirà la verità.

Fare i conti con la verità, in un mondo circondato di bugie, metterà in luce le vere nature dei protagonisti del film: amicizia che sembravano eterne, il primo amore, l’enigma del futuro. Obbligo e verità è un horror ben costruito e ben interpretato da alcuni attori notissimi e amatissimi in testa Lucy Hale, Aria di Pretty Little Liars, e Tyler Posey, Scott di Teen Wolf.

Diverse le atmosfere del film d’animazione cinese “Big Fish & Begonia”: la storia è quella di due mondi separati ed eppure uniti che la protagonista del titolo unirà grazie all’amore di un umano. Umano trasformato in pesce per i voleri di una maga buona. Il suo arrivo nel mondo sotterrano e subacqueo abitato da Begonia metterà a rischio tutti gli abitanti, incluso il miglior amico della protagonista, suo ammiratore fedele e segreto.
“Big Fish & Begonia” è un ottimo film d’animazione, unica pecca: la narrazione a tratti appare troppo confusa.

Prev Abbiamo testato il Latte Spray Lichtena DermoSolari: praticità, protezione e idratazione in un solo prodotto
Next Profumi Equivalenza: Magic Summer Nights per lei e per lui

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment