Reti a doghe motorizzate, manuali o fisse? I consigli per scegliere e risparmiare

Scegliere reti a doghe in legno

Il segreto per dormire bene non sta soltanto nell’alimentazione o nella tranquillità mentale, ma anche, anzi soprattutto, nella comodità del letto, che dipende da due fattori fondamentali: il materasso e le reti.

Il sistema più diffuso e anche economicamente più conveniente è quello costituito dalle reti a doghe, che sono delle reti ortopediche che garantiscono un sostegno sicuro e perfetto per ogni tipo di materasso. Hanno solitamente una struttura in acciaio e assi di legno con una deformità che ha il compito di sostenere il materasso ma anche di assecondare la posizione del corpo durante il risposo. Il legno è il materiale perfetto perché non è troppo rigido e inoltre isola dal freddo e dall’umidità del pavimento e de muri.

Le reti a doghe devono avere un’altezza di almeno 60 cm, perché una giusta distanza dal pavimento ci consente di stare più lontani dalla polvere che eventualmente si è depositata sul pavimento. Questo è dunque fondamentale soprattutto per chi soffre di allergie.

Come devono essere le reti a doghe

Abbiamo illustrato i lati positivi delle reti a doghe, ma quando concretamente andiamo a comprarle che cosa dobbiamo controllare e come possiamo risparmiare? Ci sono infatti delle proposte piuttosto care, soprattutto nel caso in cui si scelgano reti a doghe motorizzate elettriche con il telecomando.

Bisogna intanto ricordare che quest’ultima tipologia serve solo in determinati casi, quando alla persona che usa il letto servono reti reclinabili (ne esistono anche di manuali), ma per i letti tradizionali è meglio optare per quelle fisse, perché si adattano a tutti i tipi di letti e di materassi, non tutti i materassi, infatti, possono essere usati per reti reclinabili.

Per le reti ciò che è fondamentale è il materiale degli assi e uno dei migliori è il legno di faggio, perché è resistente ed elastico, ammortizza bene il corpo e non è troppo costoso. InMaterassi per esempio propone reti a doghe in faggio a prezzi molto competitivi e con offerte che consentono di risparmiare fino al 60% garantendo prodotti certificati che arrivano direttamente a casa senza spese di consegna.

Prev Progettare o rinnovare la casa: come trovare spunti e aiuti concreti nel web
Next Sindrome di Klinefelter: quali sono le caratteristiche?

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment