Roma Fiction Fest 2013: programma, ospiti e anteprime della VII edizione

Seguite gli aggiornamenti via Twitter con @MiladyMagazine e @Raciottola.

Roma Fiction Fest 2013 - Programma, ospiti

La pirateria è un reato. E, cosa ancor più grave, rende relativo il concetto di “anteprima”.
Posto davanti alla ricca lista di serie che verranno presentate a Roma, il telefilo medio si è sentito come un bambino che, dopo aver chiesto espressamente un regalo, si dispiace di essersi privato dell’effetto sorpresa sotto l’albero.
E così, alla vigilia della VII edizione del Roma Fiction Fest, si smorzano gli animi di chi si interrogava sul numero e soprattutto sul nome degli ospiti presenti all’Auditorium della Capitale.
Spicca, quasi solitaria, la presenza di Thomas Sadoski noto al pubblico per aver interpretato Don Keefer in The Newsroom.
La serie, prodotta da Aaron Sorkin (La guerra di Charlie Wilson, The Social Network) ha debuttato negli Stati Uniti nel settembre 2012 ed è stata accolta con un entusiasmo crescente da parte della critica.
In attesa della messa in onda della prima stagione su Raitre (previsto per quest’autunno), la redazione dell’ACN approda al RFF: il 2 ottobre sarà, infatti possibile vedere in anteprima il primo episodio.
Pilot che gli appassionati della serie ricordano soprattutto per l’incredibile monologo di Will McAvoy, protagonista della serie, che è valso all’attore Jeff Daniels un meritatissimo Emmy Awards.

Nonostante per giorni si vociferasse sulla presenza in sala anche di Olivia Munn (The Newsroom, New Girl), l’attrice stessa ha smentito su Twitter, attribuendo ad un errore di battitura, la presenza del suo nome sul comunicato stampa.

 

In occasione dell’anteprima di Rectify sarà presente in sala Melissa Bernstein, executive producer della fortunata serie Breaking Bad. Il 2 ottobre sarà, inoltre, possibile partecipare a una Masterclass con l’autrice.
Dal canto suo Frank Spotnitz, co-creatore di The X-Files, ha personalmente selezionato due episodi: Memento Mori (s04e14) e Milagro (s06e18).

Le altre serie previste nel programma coprono una vasta gamma di generi: accanto a Reign, serie in costume narrante le vicende della regina Maria di Scozia, troviamo gli agenti S.h.i.e.l.d che segnano il ritorno dell’abile penna di Joss Whedon (noto soprattutto per essere l’ideatore di Buffy, Angel e Firefly).

C’è attesa anche per le anteprima di The Blacklist, Davious Maids e Masters of Sex, mentre il pubblico Sci-Fi si divide sulla qualità di Under the Dome, tratto dal capolavoro di Stephen King.

Discorso a parte meritano, quest’anno, le serie europee. Un intero pomeriggio è dideciato alla cosiddetta fiction “nordica”. Sono, infatti, di origine scandinava Real Humans, Nymphs e The Sandhamn Murders.
Si pone, poi, l’accento su una delle principali pratiche televisive degli ultimi 5 anni: il remake. Verranno, così, poste a confronto la versione originale di The Bridge ed il suo remake targato U.S.A.

Non poteva poi mancare, a rappresentare la Francia, quella che è stata da molti definita la serie dell’anno: Les Revanants.
Un successo riconosciuto a livello mondiale. Paul Abbott è al lavoro per la sceneggiatura del remake, ma – questa volta-  il pubblico non ha saputo attendere per la versione in lingua inglese.
Les Revanants ha, dunque, segnato il venir meno del monopolio anglofono a testimonianza di come i telefilm siano una forma d’arte emergente in piena ascesa.

Saranno Utopia e Broadchurch a tener alto lo stendardo inglese a testimonianza di come il Regno Unito sappia creare serie raffinate che spiccano per la qualità del prodotto.
Attori celebri e poche puntate: qualità non quantità.
Nulla da ridire al riguardo, se non un piccolo personale apprezzamento per David Tennant, che dimostra, come sempre, la sua genialità e la capacità di adattamento a qualsiasi ruolo assegnatogli. Allons-y!

Prev Nuovo Bisbigli Store a Bari: inaugurazione con la collezione Fall-Winter 2013-14
Next Cellule staminali che tornano in Italia

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!