Skincare di primavera consigli dermatologa
Salute

Skincare di primavera: la dermatologa consiglia yoga, pilates, pomodori e sieri antiossidanti

Skincare di primavera consigli dermatologa

È arrivata la primavera ed è la seconda che viviamo in un clima molto particolare, tra zone rosse e arancioni che, come il lockdown dell’anno scorso, modificano profondamente le abitudini che avevamo prima della pandemia. La nostra pelle ha bisogno di aiuto per essere radiosa nella bella stagione e la skincare routine non si ferma solo a creme idratanti e makeup, ma parte da dentro, dall’alimentazione e dall’attività fisica.

La dottoressa Maria Gavrilova, dermatologa presente sulla piattaforma MioDottore (specializzata nella prenotazione online di visite mediche) e che ha aderito anche al progetto di video consulenza online, spiega che cosa bisogna fare per mantenere la nostra pelle giovane e tonica.

Ci sono cinque regole d’oro da rispettare:
• detergere delicatamente la pelle per non danneggiare la barriera e il microbioma cutaneo;
• rinforzare la protezione contro UV tramite utilizzo di antiossidanti;
• applicare una crema con protezione solare tutti i giorni di mattina;
• aggiungere un’esfoliazione di notte;
• praticare attività fisica aerobica all’aria aperta.

Skincare di primavera: quali sieri usare

Skincare routine quali sieri viso usare

La dottoressa Gavrilova si sofferma in particolare sul tipo di prodotti da utilizzare nella skincare di primavera. Prima di tutto, poiché in inverno la pelle tende a seccarsi, è molto probabile che all’arrivo della primavera si presenti spenta, opaca e disidratata. Bisogna dunque intervenire per rinnovare, rinforzare e idratare la pelle. Tra i trattamenti consigliati c’è il peeling, che consente di effettuare una escoriazione degli strati superficiali dell’epidermide: gli citi rompono i legami presenti tra i corneociti e in questo modo viene accelerata la rigenerazione della pelle, che dunque diventa più luminosa.

Inoltre bisogna usare sulla pelle dei sieri antiossidanti per rallentare l’insorgere delle rughe e proteggere dai danni causati dall’ambiente e dallo stress. In particolare è bene optare per prodotti che difendono dallo smog e dai raggi UV e che supportano la barriera cutanea e il microbioma, che è l’insieme di tutti i microorganismi, tra cui batteri, virus, funghi e protozoi, che colonizzano intestino, pelle, cavo orale e polmoni.

La dottoressa Gavrilova consiglia in particolare di usare due volte al giorno, mattina e sera, creme idratanti che rinforzino la barriera cutanea attraverso ingredienti come ceramide, acido ialuronico e olii, mentre sconsiglia vivamente prodotti aggressivi che contengono alcool o conservanti.

Al mattino, dopo la detersione e la tonificazione, è consigliato l’uso di sieri antiossidanti contenenti vitamina C, che è un vero e proprio antiossidante naturale che aiuta a neutralizzare gli effetti nocivi dei radicali liberi prodotti dagli ultravioletti responsabili dell’invecchiamento. L’effetto viene poi ulteriormente potenziato se si associa il siero a una crema con filtro solare. La vitamina C illumina la pelle, riduce le macchie del viso e dona al volto un aspetto più giovane se si usa una concentrazione del 10-20%. Optate sempre per prodotti dalla texture fluida e leggera e ricordate che bastano pochissime gocce.

Di notte, invece, la pelle ha bisogno di un trattamento esfoliante che le permetta di rigenerarsi, migliorandone luminosità e consistenza. In particolare, la dottoressa Gavrilova consiglia prodotti con acido glicolico, una piccola molecola di alfa idrossiacido derivata dalla canna da zucchero. In questo modo si aumenta il turnover cellulare, si purificano i pori, si migliorano la texture e il tono cutaneo. Per la pelle molto sensibile è meglio optare per sieri con niacinamide o vitamina B3, che aiuta a mantenere l’idratazione e aumenta la resistenza della barriera cutanea.

Alimentazione e attività fisica per una pelle più sana

Skincare di primavera dieta e attivita fisica

Per una pelle sana e luminosa è indispensabile anche una attenta alimentazione e lo svolgimento di attività fisica. Da questo punto di vista la dottoressa Gavrilova consiglia di variare sempre e mettere in tavola proteine, grassi, carboidrati, vitamine, antiossidanti e minerali. Un alimento particolarmente utile è il pomodoro, perché ricco di licopene, un potente antiossidante, anticancro e anti età. Ricordate che non possono mancare in menu noci, pesce e olio di oliva perché apportano grassi necessari a mantenere la barriera cutanea sana. È importante anche includere alimenti ricchi di vitamina C e flavonoidi, presenti in tantissime tipologie di frutta tra cui mele, fragole, mirtilli, pere, arance, nelle verdure come peperoni, ravanelli, cipolle, e in alcune bevande come il tè verde.

Per quanto riguarda l’attività fisica, cercate di passeggiare in mezzo alla natura e praticare sport all’aria aperta per regalare al corpo una buona ossigenazione, una riattivazione della circolazione e la liberazione di endorfine. Se non potete o non riuscite ad andare ad allenarvi fuori casa, sappiate che sono delle valide soluzioni lo yoga e il pilates. Lo yoga, infatti, combatte lo stress, che è nemico della pelle, e favorisce l’equilibrio psicologico, alleggerendo le tensioni e il sistema nervoso. Il pilates migliora la circolazione verso la testa garantendo maggior nutrimento e ossigeno alla pelle.

Ti potrebbe interessare...

Altro in:Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *