Spegniamo le luci: il 31 marzo è l’ora della Terra

Sabato 31 marzo 2012, dalle 20.30 alle 21.30 è l’Earth Day e il mondo si spegne per 60 minuti.

Earth Hour City Challenge è la sfida internazionale di quest’anno, lanciata da WWF per reinventare le città sostenibili.

Città, monumenti e singole abitazioni sono invitate a spegnere le luci, il riscaldamento e le energie inutili per un’intera ora. Un gesto simbolico contro i cambiamenti climatici, ma anche l’impegno, concreto, di ognuno per la salvaguardia del nostro Pianeta.

Come fonte di ispirazione il WWF in questi giorni sta inviando ai Comuni il kit Reinventiamo le città, contenente le 10 azioni per migliorare la sostenibilità urbana e la qualità di vita dei cittadini:

1 – Partecipazione, democrazia, equità nelle diverse parti della città.
2 – Promuovere la green economy e la blue economy, secondo cui le soluzioni tecnologiche innovative vanno ricercate facendo riferimento alle soluzioni esistenti in natura.
3 – Migliorare le prestazioni energetiche della città e degli edifici.
4 – Progettare la città senza consumare nuovo suolo e preparandola ai cambiamenti climatici.
5 – Un modo diverso di muoversi, aumentando le opportunità di utilizzare il trasporto pubblico e favorire gli spostamenti a piedi e in bicicletta.
6 – Creare reti verdi e blu, e dunque favorire la continuità con le aree naturali, per una maggiore biodiversità urbana.
7 – Diffondere gli orti urbani e l’agricoltura di prossimità.
8 – Strade, piazze e parcheggi verdi.
9 – Una diversa gestione dei rifiuti nella logica delle 4 R (ridurre, riutilizzare, recuperare, riciclare).
10 – Riutilizzare le acque piovane e le acque depurate.

Inoltre, nell’edizione di quest’anno, il WWF, con il patrocinio di numerosi enti, chiede ai Comuni di segnalare le proprie buone pratiche al fine di disegnare un’ecologia urbana che contempli risparmio e innovazione tecnologica, società e cultura, creatività e stili di vita sostenibili.

Per candidarsi a ruolo di Città Sostenibile per l’Earth Hour City Challange 2012 ci sarà tempo fino al 29 febbraio, dopo di che si procederà alla selezione degli esempi più virtuosi ed all’elezione delle città italiane che avranno l’onore di confrontarsi con le numerose città internazionali.
Tutti pronti, quindi, a spegnere le luci (almeno per un’ora) e a impegnarci (ogni giorno) a vivere in un modo più rispettoso verso la nostra Madre Terra.

Prev Federica Pellegrini nuova testimonial Yamamay
Next Torta o biscotti al cioccolato a colazione aiutano a perdere peso

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!