Telo mare: meglio in spugna o in microfibra?

Scelta teli mare in spugna o microfibra

Per fuggire dal gelo di questo inverno che ci sta riservando dei brutti colpi di coda, cominciamo a pensare alla bella stagione e alle avventure che ci riserverà. Sicuramente in tanti opteranno per il mare e se la prova costume un po’ ci angoscia, l’idea di comprare costumi e accessori, invece, ci alletta alquanto.

Uno dei grandi enigmi è: telo da mare in spugna o in microfibra? Il primo è un grande classico, mentre il secondo si è fatto strada soprattutto negli ultimi anni. Partiamo con la premessa che, se sono di buona qualità, entrambi svolgono perfettamente il proprio compito, ossia asciugano rapidamente, tanto che di solito basta una sola passata per asciugarsi.

In base a cosa allora possiamo optare per la spugna o la microfibra? La differenza è soprattutto nel prezzo. I teli mare di spugna costano di meno, perciò se ci piace cambiare spesso, ci piace averne di diversi colori e misure e non abbiamo la possibilità di fare la lavatrice ogni giorno, meglio scegliere questo tipo perché risparmieremo sicuramente.

I teli in microfibra costano di più, ma hanno il vantaggio di essere poco ingombranti, quindi sono consigliati soprattutto quando si va in vacanza e non si vuole riempire troppo la valigia. Questi teli sono molto versatili e leggeri, piegandoli poi occupano davvero pochissimo spazio, quindi non corriamo il rischio di riempire i nostri bagagli solo con gli asciugamani.

Tra l’altro la microfibra è molto usata anche dagli sportivi, soprattutto coloro che praticano sport acquatici e devono asciugarsi spesso (nuotatori, tuffatori, sincronette): la microfibra difficilmente si “inzuppa” d’acqua e si asciuga rapidamente.

Anche alcune SPA, palestre e persona trainer optano per teli in microfibra, spesso personalizzati con la grafica del proprio brand, mentre negli alberghi e negli stabilimenti balneari la fanno ancora da padroni i teli in spugna.

La microfibra è particolarmente comoda per gli accappatoi, perché è sottilissima e dunque l’ingombro è davvero minimo. In particolare nel caso in cui l’accappatoio ce lo portiamo in palestra, quello in microfibra si rivela comodissimo perché entra nel borsone senza sforzo, anzi spesso è dotato di un sacchetto in cui lo si può raccogliere e diventa piccolo e pratico quanto un astuccio o una pochette.

Prev Mako Cosmeceuticals: la beauty routine in tre step
Next Orologi unisex per l’estate 2018: Bellagio di Watchmaker Milano

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Comment