Tendenze moda uomo 2012-2013: le cravatte ideali per lavoro e tempo libero

Come scegliere la cravatta perfetta per ogni occasione.

La personalità di un uomo si può capire dalla sua cravatta. Per questo motivo è bene non scegliere mai a casaccio, ma prestare molta attenzione a questo accessorio che può rivelare molto di chi lo indossa, sia in ambito lavorativo, sia nella vita privata.

Per quest’anno, mettete da parte le cravatte marroni o rosé e optate invece per quelle rosse o blu, che non passano mai di moda, oppure, invece della tinta unita, ancora meglio una cravatta con disegni o righe su sfondo nero o color antracite.

Per gli uomini magri sono consigliate le cravatte con motivi a righe diagonali, mentre quelli dalla corporatura robusta devono evitare i colori vivaci perché metterebbero in risalto la pancia.

A lavoro vanno sempre bene le righe, ma anche i pois non fanno sfigurare. Per chi è piuttosto estroverso e vuole farsi notare anche in ufficio o nelle riunioni sono ideali le cravatte opache come le Irish Popeline e quelle in mogador, mentre è bene evitare quelle lucide.
Le cravatte molto lucide, così come quelle con disegni floreali, color crema o champagne, sono invece adatte a un’uscita serale o a una festa.

Il motivo paisley e il Pricipe di Galles sono particolarmente consigliati per il tempo libero.

Chi lavora nel settore dei servizi, della gastronomia, della promozione e della vendita, e dunque ha delle giornate piuttosto movimentate, è bene che opti per resistenti cravatte in microfibra piuttosto che in seta, poiché quest’ultima si sgualcisce facilmente.
Lo stesso discorso vale per chi viaggia molto. In questo caso, inoltre, è meglio scegliere cravatte scure e con motivi piuttosto che in tinta unita, perché in questo modo si vedono meno le eventuali macchie. L’imperativo categorico in viaggio è quello di portare sempre con sé una cravatta di riserva.
In generale le cravatte in microfibra sono molto più facili da lavare e anche molto più convenienti (nel negozio online ad hoc le trovate a prezzi molto bassi).

Per gli uomini molto eleganti che vogliono distinguersi dagli altri la cravatta sciarpa e il plastron (o Ascot) sono delle valide alternative.

E non dimenticate che è tornato fortemente in auge il fazzoletto nel taschino!

Prev Borse di studio offerte da aziende di moda grazie all'iniziativa Aspi
Next White Shirt: la collezione di camicie bianche di Carolina Herrera

3 Comments

  1. buongiorno, ho bisogno di un consiglio… ho 32 anni e devo partecipare a un matrimonio di coetanei… non mi sono mai vestito elegante ma stavolta lo vorrei fare; vestito scuro/nero e camicia bianca, ma la cravatta è meglio sottile (cravattino) oppure quella larga classica? matrimonio in marzo.
    grazie

    Reply
  2. Ciao Michele! La cravatta larga classica non è propriamente all’ultima moda. Noi ti consigliamo di optare per una cravatta di 8,5 cm di larghezza su una camicia con colletto piccolo. Per quanto riguarda il colore, devi sceglierlo in base alla tua corporatura: se sei magro meglio righe diagonali, se sei robusto evita colori troppo vivaci. Per un matrimonio può andare bene anche una cravatta lucida. Quest’anno sono tremendamente di moda le cravatte con pois.

    Reply
  3. Sottoscrivo tutto quello che hai scritto, compresa la riscoperta tendenza del fazzoletto da taschino o pochette, per noi un accessorio immancabile.

    Reply

Leave a Comment