Terre lavanti, l’alternativa allo shampoo

Ghassoul, Shikakai, Amla e Reetha: terre lavanti per corpo e capelli.

Qualche tempo fa abbiamo parlato di quanto i cambiamenti climatici, gli sbalzi termici, lo stress e i trattamenti specifici incidano sullo stato della nostra chioma (leggete l’articolo “Freddo e capelli”).
E la cosa ci interessa alquanto, perché, come dico sempre “se le mani sono il nostro biglietto da visita, i capelli rappresentano in nostro curriculum vitae”.
Infatti, anche se in pochi lo sanno, qualunque cosa succeda attorno a noi, l’ambiente in cui viviamo, quello che mangiamo, le emozioni o i traumi che subiamo, lo stress, la gravidanza, una dieta fatta male, i lavaggi o le colorazioni frequenti, insomma, tutto si ripercuote in bene o in male anche sui nostri capelli.

Le conseguenze le conosciamo bene: capelli opachi, spenti, ciocche piatte, senza corpo e volume ecc.
A peggiorare la situazione, poi, ci si mettono anche trattamenti aggressivi come il brushing, le colorazioni a base di ammoniaca e gli shampoo ricchi di tensioattivi.
Il follicolo pilosebaceo assorbe alcune sostanze dei prodotti che utilizziamo e la sua attività può essere compromessa, fino ad arrivare, a volte, alla caduta precoce o alla diradazione dei capelli.
In questo caso, o magari come alternativa una tantum al solito shampoo è opportuno utilizzare le “terre lavanti”.

Ma, cosa sono, come si presentano e dove acquistarle? In quest’articolo cercherò di rispondere a queste domande che fino a un paio di anni fa mi ponevo anch’io.

 

Ghassoul (si pronuncia “Rassoul”) – Inci: Hectorite

È un’argilla saponifera estratta da alcuni giacimenti in Marocco, il cui termine deriva dal verbo “Rassala”, che in lingua araba significa “Lavare”.
Un modo antico e naturale per lavare corpo e capelli, utilizzata da molte popolazioni dell’Africa del Nord e del Medio Oriente. 

Il Ghassoul è un minerale naturale e biologico, destinato alla bellezza del corpo e dei capelli, da utilizzarsi come crema di lavaggio per la capigliatura, come maschera per il viso e per detergere delicatamente il corpo. È inoltre l’elemento insostituibile per tutti i preparativi dell’hammamm, il famoso bagno turco.

Come si usa

Sui capelli
Il Ghassoul è un sostituto eccellente al solito shampoo perché fortifica la capigliatura ed è consigliato per ogni tipo di capello.
Ha potere emulsionante quindi sgrassa, ma senza impoverire né seccare; regola la secrezione di sebo e dona ai capelli un aspetto morbido e brillante, senza danneggiare il cuoio capelluto.

Su viso e corpo
Grazie alle caratteristiche purificanti, il Ghassoul riduce la secrezione di sebo, rigenera la pelle, elimina le cellule morte e i punti neri, mantenendo l’equilibrio dei pori.
È consigliato per le pelli sensibili e allergiche perché pulisce perfettamente la pelle, in modo molto delicato, senza aggredirla.
Essendo un’argilla, durante la preparazione di maschere o impacchi è opportuno utilizzare contenitori di vetro, legno o terracotta e cucchiai di legno, evitando ciotole o utensili in metallo, che potrebbero alterare le proprietà di questo minerale.

Mescolate uno o due cucchiai di con acqua calda fino ad ottenere una pasta omogenea, senza grumi. Applicate il composto sui capelli bagnati, sul viso o sul corpo umidi con movimenti circolari. Lasciate riposare qualche minuto, quindi risciacquate con abbondante acqua tiepida.

Se volete dare ancor più corposità al composto, potete aggiungere un cucchiaino di miele o un po’ di yogurt bianco. Oppure degli oli essenziali (a seconda del vostro tipo di capello) che amplifichino le proprietà del Ghassoul.

Shikakai – Inci: Acacia Concinna

È un’erba utilizzata da secoli in India. Nota per le sue proprietà pulenti, addolcenti e districanti, lava i capelli, senza modificare il loro naturale ph, e riduce notevolmente il prurito del cuoio capelluto (nelle persone soggette a questo problema).
 L’uso regolare dello Shikakai previene le doppie punte e le rotture durante la pettinatura, rendendo i capelli sani, morbidi, lunghi e folti.

Come si usa

Modo semplice
Mescolate la polvere di Shikakai con acqua calda o tiepida fino ad ottenere una consistenza cremosa non troppo fluida, poi massaggiate sul cuoio capelluto e le lunghezze fino a formare una leggera schiuma. Lasciate agire qualche minuto e risciacquate bene.
Potete unire alla polvere di Shikakai, una cucchiaio di polvere di Amla (dalle alte proprietà condizionanti), in questo modo avrete un composto che vale da shampoo e balsamo insieme.

Decotto
Fate bollire due cucchiai di Shikakai in un litro d’acqua, lasciandone evaporare più o meno metà, poi filtrate la polvere usando un setaccio o un pezzo di stoffa.
Utilizzate il decotto su tutto il cuoio capelluto e l’intera lunghezza dei capelli, massaggiando. Lasciate in posa per qualche minuto e poi risciacquate.

Amla – Inci: Officinalis Emblica

È una pianta conosciuta in India anche come Amalaki, ma viene chiamata più comunemente Amla. Il frutto verde e succoso è piccolo, simile ad un acino d’uva, ma con sei spicchi lievemente disegnati e sei semi. Da oltre 5000 anni è utilizzata nella medicina ayurvedica per il grande potere antiossidante, che aiuta a rigenerare le cellule, rafforzando le difese naturali dell’organismo e rallentando il processo di invecchiamento.

 La polvere di Amla racchiude in sé tutte le proprietà del frutto, compresa la preziosa vitamina C.

Come si usa

Sui capelli
Grazie al suo potere antiossidante ed energizzante, l’uso costante dell’Amla aumenta la forza dei follicoli piliferi e aiuta la crescita dei capelli, rendendoli voluminosi, lucidi e morbidi.
Previene le doppie punte e la caduta dei capelli perché rafforza e nutre le radici. Contribuisce anche a ringiovanire e riparare i capelli danneggiati.

Mescolate in una ciotola la quantità necessaria di polvere di Amla con acqua calda fino a formare un composto molto cremoso. Lasciate riposare il tutto per almeno due ore in un luogo fresco e asciutto.
 Applicate l’Amla su tutta la chioma (cuoio capelluto compreso) e lasciatela agire per almeno 15 minuti (se avete  i capelli grassi e sporchi lasciatela più a lungo). 
Risciacquate con abbondante acqua per eliminare tutti i residui.

Se non vi piace l’odore di erbe che potrebbe rimanere sui capelli, potete fare un ultimo risciacquo con aceto bianco, che oltre a eliminare i profumi, contribuirà a dare ancor più  lucentezza alla chioma.
Come ho scritto precedentemente, per ottenere un effetto ancor più purificante e condizionante, potete unire l’Amla allo Shikakai.

Sul viso e corpo
La polvere di Amla è indicata anche per la pulizia del viso e corpo (anche su pelli sensibili) che tendono ad eruzioni cutanee come brufoli e punti neri, perché rinfresca la pelle, previene l’infiammazione e riduce i pori. Inoltre, l’elevato contenuto di vitamina C contribuisce a regalare all’Amla proprietà astringenti.

È possibile applicare l’Amla su tutto il corpo come un impacco e poi immergersi in un bagno caldo, per avere una pelle pulita, fresca e tonica.
Come maschera: mescolate un cucchiaio di Amla con acqua tiepida, applicate su tutto il viso e lasciare in posa per dieci minuti. Poi, togliete delicatamente la maschera e risciacquate abbondantemente.
Passate un tonico delicato e applicate una crema idratante.

Aritha o Reetha – Inci: Mukurossi Sapindus

È il frutto dell’albero di sapone Sapindus Mukorossi, le cui noci, conosciute da millenni in India e Nepal, vengono impiegate come detersivo per il bucato. Le noci di Aritha o Reetha contengono “saponina”, una sostanza detergente, che se lasciata in ammollo o cotta in acqua genera una morbida schiuma.
E proprio questa schiuma viene usata per lavare i capelli e fare il bagno, lavare i vestiti, pulire gioielli o utensili e trova impiego anche nella medicina Ayurvedica.
Reetha è estremamente utile per i capelli, è un detergente delicato che rimuove l’unto e il grasso dal cuoio capelluto e dai capelli, li rende morbidi e gestibili ed elimina il prurito.
È particolarmente adatta alle persone con pelle sensibile o a chi è intollerante a shampoo e saponi.

Come si usa

Sui capelli e sul corpo
Modo semplice
Mescolate qualche cucchiaio (a seconda della lunghezza dei vostri capelli) di Reetha in una ciotola con dell’acqua calda, poi applicate il composto su tutta la chioma, insistendo sul cuoio capelluto, massaggiando delicatamente per creare una morbida schiuma. Lasciate agire per alcuni minuti e risciacquate abbondantemente.
Aggiungendo un po’ d’acqua in più, potete utilizzare questo composto anche come uno scrub liquido molto delicato per il corpo.

Decotto
Prendete cinque cucchiai grandi di Reetha in un litro d’acqua e fate bollire fino a ridurre a metà. Filtrate la Reetha con l’ausilio di un setaccio o un pezzo di stoffa, usate il liquido come shampoo o per lavare il corpo.
Decidete la quantità di Reetha in base alla lunghezza dei capelli.

Mix di polveri
Un composto di Reetha, Shikakai e Amla può essere applicato su capelli e cuoio capelluto, massaggiando fino a fare schiuma.
Lasciate agire per alcuni minuti, poi risciacquate.
Questo funziona come shampoo e balsamo allo stesso tempo, perché la Reetha e lo Shikakai puliscono e leniscono, mentre l’Amla dona lucentezza e brillantezza condizionando e rendendo i capelli morbidi e gestibili.

E questo è tutto, almeno per ora.
Qualche anno fa, dopo aver conosciuto queste polveri, mi si è aperto un mondo. Un mondo nuovo, fatto di cose naturali, di ciò che Madre Natura ci ha dato, senza aggiunte di coloranti, conservanti o additivi chimici, nel totale rispetto dell’ecosistema in cui viviamo.
Consiglio quindi a chi non ne avesse mai sentito parlare, di cercare e di provare queste magiche polveri. Io solitamente compro online, perché nella mia zona non vi sono rivenditori e mi son sempre trovata benissimo.
Se nella vostra città, però, ci sono negozi e botteghe etnici, ecologici o erboristerie molto fornite, acquistate un pacchetto della polvere che volete provare. Non ve ne pentirete.

Per qualsiasi domanda o curiosità siamo a vostra completa disposizione.

Prev Lush UK festeggia le mamme con la collezione Mamma mia 2012
Next “Barbie loves Filetti” e ci dà un taglio

12 Comments

  1. Ciao “A” 😀 sono felice che il mio articolo abbia suscitato in te delle curiosità.
    Di seguito ti elencherò i siti dai quali io stessa ho acquistato queste polveri, ma se ci dovessero essere altre domande, non esitare a chiedere!

    Online:

    1) http://www.amicidinatura.it/ nella sezione “pulizia dei capelli”

    2) http://www.spicesofindia.co.uk/ nella sezione “Health-and-Beauty” (questo però è un sito inglese e le spese di spedizione sono molto alte.
    Alcune ragazze ed io, però, abbiamo creato un gruppo apposito su Facebook per poter fare degli ordini cumulativi e dividere i costi della spedizione.

    3) su ebay. Digitando la “terra” che volevo acquistare. Bisogna stare attente, però, a volte i prezzi sono troppo alti e non conviene, considerando che queste polveri non hanno un costo elevato.

    So che sono disponibili anche su pandashop (http://www.ecobioroma.it/ecobio-web/shen/cmsPageView.do), ma io da lì non ho mai acquistato.

    Potresti trovarle anche nei negozi etnici o indiani, in un negozio ecobio, oppure in un’erboristeria super fornita! Dipende dalla zona in cui vivi.

    Se ci sono altre domande, chiedi pure! Spero di esserti stata d’aiuto!

    Reply
  2. Ho ordinato proprio da pandashop.
    Vediamo…ho proprio bisogno di ridare un pò di vita ai miei capelli e cosa c’è di meglio di questi prodotti naturali?
    Sei stata più che utile, grazie ancora! 🙂

    Reply
  3. Cara marya2429 dipende quale tipologia di terre lavanti hai scelto. Ad esempio Ghassoul, Shikakai e Aritha sono più indicate per capelli normali o “grassi” e se usate da sole sono da considerarsi tra i prodotti più sgrassanti e purificanti che esistano. Ovviamente mischiati a yogurt, miele o oli essenziali, consentono di diminuire l’effetto sgrassante, lasciando intatto quello detergente.
    L’Amla è il prodotto più condizionante tra le terre lavanti, infatti io, che ho i capelli che si ingrassano facilmente, la utilizzo come maschera rigenerante e disciplinante.
    Potresti provare ad utilizzare l’Alma, aggiungendoci un cucchiaio di yogurt e uno di olio di cocco che è superidratante.

    Purtroppo le terre lavanti sono pure al 100% (non contengono siliconi, paraffina o schifezze varie) quindi potrebbero seccare leggermente il cuoio capelluto, ma di sicuro sono un toccasana per la chioma.

    Oppure potrebbe essere stato il passaggio dagli shampoo normali alle terre, che sono prodotti biologici, e quindi i tuoi capelli hanno subito uno shock iniziale.

    Marya2429, riprova ad utilizzare le terre mettendo in pratica i nostri consigli e poi facci sapere!!

    Reply
    • Ciao. Vorrei sapere, tra ghassoul shikakai reetha e amla quale è la meno aggressiva per il cuoio capelluto, che però tolga un impacco di olio di mandorle dolci. Intendo dire: avendo una dermatite da contatto sul cuoio capelluto e dovendo ricostituire il film idrolipidico, quale può essere più indicata? Il rhassoul mi sembra troppo sgrassante per la cute.QUalcuna ha vuto problemi di persensibilità alla cute dopo aver usato questi prodotti?
      Io sono obbligata ad usarli perché sonodiventata intollerante a qualsiasi shampoo chimico 🙁
      Grazie per il vostro aiuto

      Reply
  4. Ciao a tutte! Il mio ragazzo è indiano, e quindi posso darvi una testimonianza un po’ più valida. Infatti grazie a lui ho conosciuto una ragazza indiana, tra l’altro parrucchiera, che mi ha spiegato come usano loro queste polveri magiche. Oggi ho provato per la prima volta questo impacco, e sono davvero felice! Io le ho provate tutte, perchè ultimamente, non so il motivo, ma sono davvero disperata per come si sono spezzati i miei capelli. Sono sottili, fragili, non tengono più la piega. Ho capellini deboli che spuntano dal cuoio capelluto..insomma…io che ho sempre avuto dei bei capelli scuri e lunghi, oggi mi sento davvero insoddisfatta. Beh…devo dire che oggi dopo aver usato questo miracoloso impacco, forse ho capito il segreto delle donne indiane! Poi forse…per ognuna l’effetto sarà diverso..comunque vi consiglio di provare. L’impacco si fa con: un cucchiaio di polvere di amla, uno di shikakai e uno di aritha. Si aggiunge un cucchiaio di olio di amla oppure di cocco(che evita l’effetto crespo) Si mescola con yogurt bianco..quanto basta per ottenere una miscela morbida che ricopra l’intera testa e tutti i capelli. Si lascia in posa un quarto d’ora circa..e si sciacqua! Non c’è bisogno dello shampoo perchè le polveri lavano. Al limite si può mettere un po’ di balsamo solo sulle punte, per aiutare poi la piega. Io l’ho fatto oggi…e sono davvero entusasta! Provatelo! 🙂

    Reply
  5. Ciao ragazze! Io sono un uomo ma mi piace sperimentare dato che non sono mai riuscito a sconfiggere dermatite e caduta di capelli… Da circa un mese sto lavando i capelli con farina di ceci ed olio di mandorla ed olio essenziale di tea tree. Il risultato non è male ma non ho risolto del tutto… Secondo voi quali delle terre discusse dovrei provare ? Grazie anticipatamente x i vostri consigli.

    Reply
    • Ciao Manu. Io sono nella tua stessa situazione: ho una dermatite seborroica con caduta di capelli feroce. E’ una bestiaccia di problema. In più mi è venuta una dermatite da contatto da shampoo medicato! Ecco cosa mi fa fare il mio bravo tricologo: le squame della dermatite le togli se le ammorbidisci, quindi metti col contagocce l’olio di mandorle dolci qualche ora prima di lavare sul cuoio capelluto e massaggi. Poi devi lavare: ho provato la farina di ceci ma non toglie bene le squame, che soffocano i follicoli così il capello cade. Ho usato per 2 mesi il ghassoul del Marocco: è abbastanza buono, toglie tutte le squame e il cuoio capelluto certamente respira più che con la farina di ceci. Domani vado da Pandashop a comprare il reetha, il rivenditore mi ha detto che è molto delicato ed è un buon compromesso tra farina di ceci e ghassoul. Però puoi tentare il metodo Sebodiane DS: è un siero in gocce più shampoo a base di phitosphingosine (fitoterapico). E’ un prodotto francese che vendono on line su Salustore. Io l’ho usato per la dermatite delle sopracciglia e in 8 giorni era sparito tutto!Non lo provo sulla testa perché ho la drmatite da contatto ora ma c’è chi davvero è stato miracolato.
      in bocca al lupo

      Reply
  6. Ciao scusate ho comprato le tre polveri di Reetha, Shikakai e Amla. Volevo chiedere la quantità di polvere per ogni shampoo mescolandole entrambe, o che modo d’uso mi consigliate? Ma il composto si può anche conservare oppure bisogna fare il preparato ogni qualvolta si fa lo shampoo.
    Grazie

    Reply
  7. Ciao,
    le miscele vanno applicate sui capelli asciutti o bagnati? ho provato per la prima volta shikakai+ghassoul ma ho avuto pessimi risultati, non sono riuscita a sciacquarli via, avevo tutta la polvere attaccata alla cute… alla fine ho dovuto fare lo shampoo, e ora ho la cute più stressata di prima! non so dove ho sbagliato >.<

    Reply
  8. Scusate vorrei chiedervi siccome ho i capelli molto grassi e vorrei risolvere questo problema…quali polveri mi consigliate? E le dosi? Fatemi sapere per favore

    Reply

Leave a Comment