Vacanze in montagna: come organizzarle partendo dai libri

Libri di montagne per vacanze super organizzate

Quando si organizza una vacanza in alta quota, sia d’estate sia d’inverno, bisogna partire dalla consultazione di alcuni libri di montagna. Sì perché già quando si deve scegliere la destinazione è bene essere quanto più informati possibile, sapere a che cosa si va incontro e capire che non è una vacanza come tutte le altre.

Chi sceglie di andare a trascorrere un periodo di vacanza in montagna ha senza dubbio un animo avventuroso, di certo non ci va per stare fermo a prendere il sole, ma vorrà sicuramente fare qualche escursione, stare in movimento, immergersi nella natura e fare tante nuove scoperte.

A seconda del tipo di vacanza che si vuole programmare potranno esservi utili libri diversi, infatti l’editoria di montagna è molto variegata. Per una vacanza active potrebbero servirvi manuali di escursionismo, arrampicata sportiva, alpinismo o, se volete andare in bici dei manuali di cicloturismo o mountain bike. Se ci andate d’inverno cercate libri sullo scialpinismo, se invece siete grandi amanti della natura molto avventurosi forse vi interesseranno libri di speleologia o torrentismo.

L’ideale è dunque avere prima di tutto un’ispirazione per la propria vacanza e la si può trarre anche da un libro di narrativa o da un testo di cultura alpina. Dopodiché si decide la meta e a questo punto ci si informa attraverso guide e manuali ad hoc su tutto quello che si può fare nel luogo scelto come nostra destinazione. Ben prima di partire si sceglie quale attività fa al caso nostro e si cerca di capire come ci si può preparare. State certi che esistono tantissimi libri che vi aiuteranno a evitare qualsiasi tipo di sorpresa.

Arrivare al momento della nostra vacanza in montagna già preparati, consapevoli di quello che vogliamo fare e degli eventuali imprevisti, ci evita perdite di tempo e si sa che quando si è in ferie non sprecare tempo è importantissimo, perché si stanno spendendo dei soldi tra viaggio, vitto e alloggio e dunque sarebbe un peccato non sfruttare tutte le possibilità che un luogo ci offre.

Inoltre è indispensabile sapere quanto da prima della partenza quanto più è possibile sul luogo della vacanza per non avere rimpianti quando si torna a casa, scoprendo solo dopo lil rientro che magari c’era qualcosa che ci sarebbe potuto interessare ma che, per scarsa conoscenza, non sapevamo che ci fosse e dunque non lo abbiamo visto.

Non dimenticatevi poi che quando si parte per una vacanza in montagna (ma non solo) è sempre bene avere con sé una cartina quanto più completa possibile e anche nel campo della cartografia la scelta è molto varia ed è bene trovare la cartina più adatta al proprio viaggio.

Prev Cucinare con la pietra lavica
Next Occhiali: Kyme lancia la special edition Boogie Night per Le Lunetier Milano

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!