Victoria Beckham sbarca nel web a primavera e Romeo diventa una star

Presto online lo store del brand Victoria Beckham mentre uno dei suoi figli fa il modello.

Victoria Beckham sta lavorando sodo con il direttore artistico, Jonny Lu, e il collaboratore editoriale, Isaac Lock, affinché il suo sito web sia assolutamente perfetto al momento del lancio ufficiale nella primavera 2013.
Realizzato dallo studio King & Partners e alimentato dalla piattaforma Sellect e-commerce/CMS, victoriabeckham.com consentirà alla Posh Spice di vendere le sue creazioni in Gran Bretagna, in tutta Europa e negli Stati Uniti.
Intanto il brand è già presente nel web su Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, Tencent e Sina Weibo per il mercato cinese, e V Kontakte in Russia.

Nello store online saranno venduti accessori, occhiali, jeans e la nuova linea Victoria, tutti rigorosamente firmati Victoria Beckham.

In soli quattro anni la joint venture tra la moglie del calciatore più famoso al mondo e Simon Fuller XIX Entertainment Ltd ha fatto passi da gigante: dopo il debutto nel settembre 2008 con la collezione ready-to-wear alla settimana della moda di New York, Victoria Beckham si è aggiudicata nel 2011 il titolo di Best Designer Brand ai British Fashion Awards, quello di Accessories Designer of the Year agli UK Glamour Women of the Year Awards e quello di Emerging British Luxury Brand ai Walpole Awards e ora è pronta a invadere il mondo con un click.

Intanto, il secondogenito di Victoria e David Beckham, Romeo, di 10 anni, ha fatto il suo esordio da modello per Burberry e in Inghilterra già si scommette sul suo futuro da star della moda:
– una linea di abbigliamento Romeo Beckham entro il compimento dei 21 anni è data a 1.10;
– un profumo Romeo Beckham è dato a 1.20;
– una sfilata durante una delle fashion week è data a 1.25;
– il premio GQ Men of the Year per lo stile è data a 2;
– la copertina del Time come personalità dell’anno è data a 11;
– una vittoria agli Oscar è data a 51.

Leggi anche:
I figli di Victoria e David Beckham sono stilosi come i genitori

Prev La scrittura come terapia: testimonianze, lettere simboliche, storie inventate
Next La nuova borsa di Charlotte Le Bon per Comptoir des Cotonniers

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!