Salute

Lo yoga sul posto di lavoro alleato contro stress e mal di schiena

Lo yoga a lavoro contro mal di schiena e stress

Lo yoga a lavoro contro mal di schiena e stress

Chi pratica yoga è più sano, ma anche se non c’è abbastanza tempo per andare in palestra o non si riesce a trovare un momento di pace in casa, si può fare un po’ di yoga sul posto di lavoro, spiegando al datore di lavoro e ai colleghi che in questo modo si può ridurre stress, mal di schiena e di conseguenza anche le assenze dall’ufficio per malattia! Basta onora a settimana per stare meglio e a dirlo sono gli scienziati.

Infatti, secondo uno studio di un gruppo di medici dell’Università di Bangor, che è stato segnalato da The Indipendent, i benefici della pratica dello yoga si possono avere anche svolgendo questa pratica direttamente sul posto di lavoro.

Gli studiosi hanno preso in esame 150 impiegati del Servizio sanitario di tre diversi ospedali del Nord del Galles: ad alcuni di loro è stato imposto di svolgere otto sessioni di yoga da 60 minuti una volta a settimana, mentre gli altri sono stati assegnati a un gruppo educativo.

Ebbene gli impiegati che hanno praticato lo yoga e che lo hanno fatto anche per una decina di minuti al giorno a casa per sei mesi (aiutandosi con un dvd come “maestro”) già dopo otto settimane avevano molto meno dolore alla schiena e dopo sei settimane le assenze dal lavoro per problemi muscoloscheletrici erano diminuite di venti volte rispetto ai membri del gruppo educativo che si sono limitati a leggere libretti su come gestire il mal di schiena e ridurre lo stress da lavoro.

Per i membri del gruppo che ha praticato yoga le visite dal medico a causa del mal di schiena si sono dimezzate. I benefici maggiori, ovviamente, li hanno avuti coloro che hanno praticato yoga anche a casa per una decina di minuti al giorno.

Lucia Resta
Giornalista professionista, fondatrice di Milady Magazine e Sport Folks. Ama la moda, lo sport, gli animali, i libri, il cinema e le serie Tv. Scrive anche per altre testate online.

    Ti potrebbe interessare...

    Altro in:Salute

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *